Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 42kWORD 20k
25 luglio 2019
E-002448-19
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002448-19
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Franco Roberti (S&D) , Tiemo Wölken (S&D) , Simona Bonafè (S&D) , Jackie Jones (S&D) , Cornelia Ernst (GUE/NGL) , Sabrina Pignedoli (NI) , Caterina Chinnici (S&D) , Laura Ferrara (NI)

 Oggetto:  Direttiva 2004/35/CE e aggiornamento delle sanzioni penali contro il danno ambientale
 Risposta scritta 

La relazione COM(2016)204 ha evidenziato molteplici criticità e carenze nella direttiva 2004/35/CE sulla responsabilità ambientale in materia di prevenzione e di riparazione del danno, soprattutto con riferimento alla portata e all'efficacia degli strumenti previsti per raggiungere gli obiettivi prefissati.

Successivamente, la Commissione ha avviato un programma di lavoro pluriennale per il periodo 2017-2020, che dovrebbe condurre a una revisione generale della suddetta direttiva.

Dal momento che le sanzioni penali costituiscono un deterrente importante contro il danno ambientale, può la Commissione far sapere se:
1) Ha previsto di includere, in tale programma di lavoro, anche uno studio sull'aggiornamento della direttiva 2008/99/CE sulla tutela penale dell'ambiente?
2) In attesa che il programma di lavoro venga ultimato, intende creare una banca dati europea pubblica dei casi di danno ambientale disciplinati dalla direttiva 2004/35/CE, al fine di migliorarne l'attuazione e aumentare l'informazione sui casi di danno ambientale?
3) Intende promuovere una sistematica campagna di informazione attraverso gli Stati membri, con adeguato stanziamento di fondi, per garantire che i potenziali inquinatori e le potenziali vittime siano informati dei rischi che corrono, della disponibilità di un'assicurazione o di altri mezzi finanziari e giuridici che possano tutelarli da tali rischi, nonché dei vantaggi che possono derivarne?
Ultimo aggiornamento: 8 agosto 2019Note legali - Informativa sulla privacy