Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 9k
19 novembre 2019
E-003867/2019
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003867/2019
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Sentenza della Corte di giustizia dell'Unione Europea su immigrati protagonisti di violenze

In Italia ed in tutti i Paesi dell'UE sono all'ordine del giorno, purtroppo, episodi di violenza compiuti da migranti irregolari. La Corte di giustizia dell'Unione europea ha recentemente emesso una sentenza per cui non è possibile procedere all'espulsione, da un centro d'accoglienza, di migranti che si rendano protagonisti di atti violenti. Questa sentenza mette ampiamente in difficoltà coloro che gestiscono i centri di accoglienza, rendendoli ancora più vulnerabili e soggetti a vessazioni senza che nessuno venga punito. In questo modo, inoltre, si creano i presupposti per cui le violenze e gli atti delinquenziali siano considerati meno importanti rispetto al diritto di accoglienza, creando preoccupazioni e timori anche nella popolazione.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

Come intende tutelare i gestori dei centri di accoglienza e i cittadini dei paesi membri?

Come intende agire in merito a possibili nuove norme dell'Unione in modo da "non avvantaggiare" i migranti irregolari che commettono atti criminosi e/o violenti?

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy