Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 9k
5 dicembre 2019
E-004247/2019
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-004247/2019
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Il mercato del falso made in Italy, un danno da 100 miliardi di euro

Il falso agroalimentare, definito "Italian sounding", provoca un forte danno ai produttori italiani, mettendo anche a rischio i consumatori che vengono ingannati dalle false denominazioni che ricordano le eccellenze "made in Italy".

Questo fenomeno provoca, nelle industrie italiane, un calo di fatturato provocando anche crisi aziendali e limitando la portata delle esportazioni italiane. Si stima, come indicato da Coldiretti, un danno di 100 miliardi di euro, cresciuto del 70% negli ultimi 10 anni.

Nei supermercati stranieri si possono vedere prodotti come la mozzarella "Casa Italia", la mortadella "Milano", il Parmigiano Reggiano contraffatto denominato "Parmesan" e tante altre imitazioni lontanissime dalla qualità Italiana.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Come pensa di combattere questo fenomeno di falsi prodotti alimentari?

2. Come pensa di proteggere le peculiarità del Made in Italy e i settori che portano avanti, con passione e dedizione, eccellenze alimentari italiane, colpite dalle contraffazioni?

3. Come intende intervenire, in Europa e verso Paesi terzi, per limitare la concorrenza sleale?

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy