Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 9k
20 gennaio 2020
E-000285/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-000285/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Sequestro di limoni turchi e rischi per i consumatori

La Sicilia è una regione dove la coltivazione degli agrumi gioca un ruolo strategico per l'economia del territorio. Eppure, da anni si assiste ad una vera e propria invasione di agrumi da paesi terzi, spesso di dubbia qualità.

Giovedì scorso è scattato un maxi-sequestro di limoni nel corso di un controllo presso un’azienda che si occupa di prodotti ortofrutticoli a Siracusa.

I limoni compromessi, di provenienza turca, non presentavano caratteristiche idonee in rapporto alle regole della normativa comunitaria.

Dal 2017 al 2019 in Sicilia sono stati effettuati ben 2 950 controlli, circa 20 000 analisi di laboratorio e oltre 166 sono state le intercettazioni di vegetali e prodotti di origine vegetale non conformi alla vigente normativa europea.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. È a conoscenza di questo episodio?

2. Ha intenzione di attuare una politica volta a tutelare i prodotti europei e in particolare prodotti di eccellenza come gli agrumi italiani?

3. Intende salvaguardare il settore dell’agrumicoltura siciliana e tutelarla i consumatori che rischiano di acquistare limoni tossici provenienti da Paesi terzi?

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy