Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
12 febbraio 2020
E-000866/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto
 Oggetto: Distributore automatico di Prosecco nel Regno Unito: la Commissione UE intervenga contro le truffe a danno dei consumatori e dei produttori

Recentemente la catena di enoteche londinesi Vagabond Wines ha installato in centro a Londra un distributore automatico, denominato "Automated Prosecco Machine" (APM), che eroga calici di vino con le bollicine. Inoltre, è stata lanciata una petizione online per incentivare l'installazione di questi distributori automatici APM nelle città britanniche.

Si tratta dell'ennesima truffa da parte di un'azienda britannica ai danni della DOP Prosecco nel Regno Unito, dopo la vendita di falso Prosecco alla spina nei pub, e di caramelle, patatine e bustine di tè al gusto Prosecco nei supermercati.

Il Consorzio di Tutela del Prosecco Doc si è immediatamente attivato per bloccare l'iniziativa dell'enoteca londinese, poiché il Prosecco non può essere servito alla spina ma soltanto dalla bottiglia, per tutelarne l'autenticità. Infatti, l'uso improprio della denominazione Prosecco per vendere vini alla spina rappresenta una truffa nei confronti dei consumatori e un enorme danno d'immagine per i produttori, e questa pratica viola la normativa dell'UE sulla tutela dei prodotti agroalimentari DOP.

Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

Agirà urgentemente presso le autorità britanniche per proibire l'installazione di distributori automatici di finto Prosecco, al fine di tutelare i consumatori da questa forma di contraffazione?

Come intende rafforzare la salvaguardia economica e di immagine dei produttori di questa eccellenza vitivinicola del "Made in Italy", vittima di sempre più frequenti frodi in Europa e nel mondo?

Ultimo aggiornamento: 27 febbraio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy