Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 42kWORD 10k
19 febbraio 2020
E-001009/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001009/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Marco Dreosto (ID), Simona Baldassarre (ID), Brando Benifei (S&D), Mara Bizzotto (ID), Anna Bonfrisco (ID), Paolo Borchia (ID), Andrea Caroppo (ID), Susanna Ceccardi (ID), Angelo Ciocca (ID), Rosanna Conte (ID), Salvatore De Meo (PPE), Francesca Donato (ID), Herbert Dorfmann (PPE), Carlo Fidanza (ECR), Gianna Gancia (ID), Danilo Oscar Lancini (ID), Fulvio Martusciello (PPE), Elena Lizzi (ID), Alessandro Panza (ID), Sabrina Pignedoli (NI), Nicola Procaccini (ECR), Luisa Regimenti (ID), Antonio Maria Rinaldi (ID), Massimiliano Salini (PPE), Vincenzo Sofo (ID), Isabella Tovaglieri (ID), Lucia Vuolo (ID), Stefania Zambelli (ID), Alessandra Moretti (S&D), Massimo Casanova (ID), Alessandra Basso (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Impegno europeo per il ricordo del disastro del Vajont

Il 9 ottobre 1963 tra le Regioni Friuli Venezia Giulia e Veneto (Italia) si verificò il disastro del Vajont, con la morte di migliaia di persone e la devastazione territoriale, sociale ed economica di quattro comunità.

Sebbene siano trascorsi quasi sessant'anni da quei fatti, nessuna autorità istituzionale dell’Unione europea risulta essersi mai recata in visita ufficiale nei luoghi della tragedia.

Tale lacuna merita di essere rapidamente colmata, non fosse che per il profondo monito che la sciagura riveste a livello internazionale (in Italia il Vajont è ritenuto per legge un esempio dei danni provocati dalla negligenza e dall'ingordigia dell'uomo).

Alla luce di quanto esposto, può la Commissione rispondere al seguente quesito:

Intende essa organizzare una visita alle comunità toccate dagli eventi del 1963 per dimostrare la solidarietà e la vicinanza dell'Unione europea, nonché per evitare che quegli errori abbiano a ripetersi nelle generazioni future?

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy