Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 10k
27 febbraio 2020
E-001181/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Rosa D'Amato, Ignazio Corrao, Piernicola Pedicini
 Oggetto: Agrumi dal Sudafrica

La Commissione europea ha evidenziato che l'agevolazione sulle arance nell'ambito dell'APE UE-SADC consiste in una liberalizzazione graduale nell'arco di 10 anni delle tariffe all'importazione applicate annualmente durante un periodo di tempo limitato.

Ai sensi dell'articolo 34 dell'APE UE-SADC la Commissione può applicare misure di salvaguardia sulle importazioni di agrumi dal Sud Africa se il periodo di liberalizzazione esteso porta a un aumento delle importazioni tale da causare o minacciare di causare turbative di mercato.

La Commissione si è recentemente impegnata a condurre uno studio dettagliato al fine di valutare correttamente l'impatto di questi accordi preferenziali sul mercato agrumicolo europeo.

In Sud Africa sono stati piantati altri 10mila ettari di mandarini, la cui destinazione principale è l'Europa. In ascesa anche le superfici destinate alla coltivazione delle arance in Egitto.

Come già denunciato dalle categorie del settore, nei paesi terzi vengono utilizzati diversi materiali attivi per il trattamento degli agrumi il cui uso è vietato in Europa (1) .

Ciò premesso, si chiede alla Commissione di far sapere:

1. se intende comunicare qual è l'impatto attuale e futuro di questi accordi preferenziali sull'agrumicoltura europea, considerando anche i dati relativi all'aumento degli ettari coltivabili nei paesi terzi;

2. come intende contrastare l'utilizzo di sostanze considerate vietate nell'Unione Europea.

(1)http://italiafruit.net/DettaglioNews/49113/dallestero/agrumi-dai-paesi-terzi-la-spagna-batte-i-pugni-a-bruxelles
Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy