Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 41kWORD 10k
4 marzo 2020
E-001341/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Elisabetta Gualmini, Patrizia Toia, Simona Bonafè, Pina Picierno, Brando Benifei, Alessandra Moretti, Giuliano Pisapia, Paolo De Castro, Irene Tinagli, Franco Roberti, Giuseppe Ferrandino, Massimiliano Smeriglio, Pietro Bartolo, Pierfrancesco Majorino, Caterina Chinnici
 Oggetto: Emergenza sanitaria nell'UE

Dal dicembre 2019 siamo a conoscenza della diffusione, presumibilmente a partire dalla città cinese di Wuhan, del virus COVID-19. Non è disponibile alcun vaccino e le caratteristiche del virus sono l'elevata e veloce contagiosità e la pericolosità per la popolazione anziana e per le persone immunodeficienti, accanto a un tasso di letalità significativo. I sistemi sanitari nazionali sono dunque messi sotto pressione e gli Stati membri hanno risposto in maniera divergente. Di fronte a sfide di questa natura con effetti drammatici sulla salute pubblica e sull'economia europea occorre una risposta da parte degli Stati membri fortemente coordinata, se non unitaria.

Si chiede alla Commissione:

se ritiene di proporre una raccomandazione che detti linee di intervento comuni, sulla base dell'articolo 168, paragrafo 6, TFUE e nel rispetto del sistema di Schengen;

se, al fine di garantire il diritto alla salute (articolo 35 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE) e promuoverla (articoli 9 e 168 TFUE), giudica opportuno lavorare a un rafforzamento delle misure preventive in caso di emergenze sanitarie transnazionali, che rispondano alla necessità di misure comuni agli Stati, sul profilo dei controlli alle frontiere esterne e di un maggiore coordinamento tra autorità sanitarie e amministrative nazionali;

se, a tal fine, intende valutare una revisione della decisione n. 1082/2013/UE, ampliando la base giuridica anche agli articoli 77,196,197 TFUE.

Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy