Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 41kWORD 10k
4 marzo 2020
E-001341/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-001341/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Elisabetta Gualmini (S&D), Patrizia Toia (S&D), Simona Bonafè (S&D), Pina Picierno (S&D), Brando Benifei (S&D), Alessandra Moretti (S&D), Giuliano Pisapia (S&D), Paolo De Castro (S&D), Irene Tinagli (S&D), Franco Roberti (S&D), Giuseppe Ferrandino (S&D), Massimiliano Smeriglio (S&D), Pietro Bartolo (S&D), Pierfrancesco Majorino (S&D), Caterina Chinnici (S&D)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Emergenza sanitaria nell'UE

Dal dicembre 2019 siamo a conoscenza della diffusione, presumibilmente a partire dalla città cinese di Wuhan, del virus COVID-19. Non è disponibile alcun vaccino e le caratteristiche del virus sono l'elevata e veloce contagiosità e la pericolosità per la popolazione anziana e per le persone immunodeficienti, accanto a un tasso di letalità significativo. I sistemi sanitari nazionali sono dunque messi sotto pressione e gli Stati membri hanno risposto in maniera divergente. Di fronte a sfide di questa natura con effetti drammatici sulla salute pubblica e sull'economia europea occorre una risposta da parte degli Stati membri fortemente coordinata, se non unitaria.

Si chiede alla Commissione:

se ritiene di proporre una raccomandazione che detti linee di intervento comuni, sulla base dell'articolo 168, paragrafo 6, TFUE e nel rispetto del sistema di Schengen;

se, al fine di garantire il diritto alla salute (articolo 35 della Carta dei diritti fondamentali dell'UE) e promuoverla (articoli 9 e 168 TFUE), giudica opportuno lavorare a un rafforzamento delle misure preventive in caso di emergenze sanitarie transnazionali, che rispondano alla necessità di misure comuni agli Stati, sul profilo dei controlli alle frontiere esterne e di un maggiore coordinamento tra autorità sanitarie e amministrative nazionali;

se, a tal fine, intende valutare una revisione della decisione n. 1082/2013/UE, ampliando la base giuridica anche agli articoli 77,196,197 TFUE.

Ultimo aggiornamento: 25 settembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy