Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 43kWORD 18k
26 giugno 2020
 E-002522/2020
Risposta di Janusz Wojciechowski
a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-002522/2020

L'onorevole deputata può essere certa che la Commissione europea è pienamente impegnata a dare una risposta forte alla crisi del coronavirus in questa situazione senza precedenti e sta facendo tutto il possibile per aiutare la filiera alimentare a garantire la disponibilità dei beni e dei servizi essenziali e il suo funzionamento in modo efficace.

Per quanto riguarda la richiesta di attivazione di misure di emergenza, si informa che è stato adottato un ampio ventaglio di misure per affrontare la crisi nel settore agricolo e orticolo(1), ma la difficile situazione di bilancio limita il margine di manovra.

La Commissione ha inoltre adottato una serie di misure eccezionali che derogano alle norme in materia di concorrenza previste dall'articolo 222 del regolamento sull'organizzazione comune dei mercati. Esse consentono agli operatori di adottare misure di auto-organizzazione dei mercati nel settore delle patate(2) con un periodo di validità di sei mesi.

Le misure adottate summenzionate consentono alle organizzazioni di produttori nel settore degli ortofrutticoli, tra l'altro, di orientare i loro programmi operativi, finanziati nell'ambito della politica agricola comune (PAC), verso misure di gestione della crisi, tra cui i ritiri dal mercato, al fine di aiutarle ad affrontare la situazione attuale. Tuttavia non si prevede un ritiro straordinario dal mercato di prodotti ortofrutticoli, in quanto tale provvedimento è ampiamente richiesto e comporterebbe un aumento della spesa dell'UE. Come già indicato in diverse occasioni, l'UE si trova ad affrontare una situazione critica per quanto riguarda il bilancio attuale e non è stato ancora raggiunto un accordo sul futuro quadro finanziario pluriennale.

(1)Regolamenti (UE) 2020/592 e (UE) 2020/600, del 30 aprile 2020, (GU L 140 del 4.5.2020).
Progetto di regolamento delegato della Commissione recante per il 2020, in collegamento con la pandemia di Covid-19, deroga ai regolamenti delegati (UE) 2017/891 della Commissione per l'ortofrutticoltura e (UE) 2016/1149 per la vitivinicoltura.
(2)Regolamento (UE) 2020/593, del 30 aprile 2020, (GU L 140 del 4.5.2020).
https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/HTML/?uri=OJ:L:2020:140:TOC
Ultimo aggiornamento: 29 giugno 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy