Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 9k
14 maggio 2020
E-002971/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-002971/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Problema fatwa online

Premesso che

La fatwa è il parere di conformità alla dottrina islamica. Nel sistema giuridico musulmano il giudice è monocratico e può chiedere, su problematiche particolari, un parere a un esperto che deve essere un muftì. La richiesta può essere anche fatta dal soggetto che si rivolge al giudice. Il parere del muftì però non è vincolante. Oggi vi è un grave problema rappresentato dalle fatàwa online che spesso vengono poi prese come vere e proprie leggi e strumentalizzate per giustificare attività terroristiche o di propaganda radicale. Molte di queste fatàwa riguardano infatti il rapporto tra l’islam e la modernità e, se interpretate da voci non autorevoli ed esperte, rischiano di fomentare odio nei confronti dei paesi occidentali in cui molti musulmani vivono.

Si chiede

1. Come l’UE intende regolarizzare questo fenomeno per impedire la proliferazione di idee islamiche radicali tramite il web?

2. Dato che i predicatori più radicali possono predicare sia da paesi interni all’UE che extracomunitari, è previsto un accordo tra gli Stati per individuare questi "seminatori di odio" e bloccarne la diffusione via web?

Ultimo aggiornamento: 31 maggio 2020Note legali - Informativa sulla privacy