Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 41kWORD 10k
14 maggio 2020
E-002974/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
al vicepresidente della Commissione/alto rappresentante dell'Unione per gli affari esteri e la politica di sicurezza
Articolo 138 del regolamento
Elena Lizzi (ID), Alessandro Panza (ID), Marco Campomenosi (ID), Gianantonio Da Re (ID), Marco Dreosto (ID), Gianna Gancia (ID), Mara Bizzotto (ID)
 Oggetto: Finanziamenti dell'Unione europea a organizzazioni palestinesi

Nel dicembre 2019 ben 135 organizzazioni palestinesi hanno rifiutato di firmare una richiesta dell'Unione europea, con la quale si obbliga a non trasferire i fondi degli aiuti UE a gruppi o enti terroristici. Il diniego alla firma da parte delle ONG sarebbe motivato dalla convinzione che i gruppi terroristici palestinesi siano equiparabili a partiti politici.

In una lettera del 30 marzo inviata a una ONG palestinese, Sven Kuhn von Burgsdorff, rappresentante dell'UE di stanza a Gerusalemme Est, Cisgiordania e Striscia di Gaza, dopo aver ribadito le direttive europee che impediscono il finanziamento di organizzazioni terroristiche, ha messo in chiaro che l'adesione o l'affinità con un'organizzazione terroristica non impedirebbe automaticamente a una persona fisica di essere beneficiario di programmi finanziati dall'UE, a meno che il suo nome e cognome non corrispondano a persone fisiche presenti negli elenchi restrittivi dell'UE.

In questo modo il rappresentante dell'UE potrebbe aver suggerito la via per ottenere aiuti dell'Unione europea aggirandone le direttive che impediscono il finanziamento di organizzazioni terroristiche e trasformando gli aiuti da finanziamento diretto a indiretto.

La lettera in questione è stata riportata da diversi organi di stampa israeliani, mettendo in serio imbarazzo l'intera Unione europea.

Alla luce di quanto esposto, come intende il VP/AR affrontare questa situazione, che ha messo in discussione il ruolo di neutralità e di pacificatore dell'Unione europea nell'area mediorientale?

Sostenitore(1)

(1)La presente interrogazione è sostenuta da un deputato diverso dagli autori: Susanna Ceccardi (ID)
Ultimo aggiornamento: 2 giugno 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy