Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
18 maggio 2020
E-003053/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003053/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Stefania Zambelli (ID), Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Accordi bilaterali in materia di turismo

La Commissione ha presentato alcune linee guida per aiutare gli Stati a eliminare gradualmente le restrizioni di viaggio, aprendo le frontiere interne e consentendo la riapertura delle imprese turistiche, previa adozione di apposite precauzioni sanitarie.

L'approccio proposto per tale ripristino dovrebbe tenere in considerazione gli interessi di tutti i Paesi senza creare svantaggi, visto che l'accesso ai servizi di trasporto è essenziale per il settore turistico che rappresenta il 10% del PIL dell'UE.

L'eliminazione delle restrizioni nelle aree che hanno una situazione epidemiologica simile dovrebbe avvenire senza discriminazioni tra cittadini dell'UE e residenti dello stesso Stato.

Alcuni Stati stanno concludendo accordi bilaterali nelle suddette materie e rischiano di restare esclusi da tali accordi soprattutto i paesi del Mediterraneo o zone di essi, in quanto più duramente colpiti dalla pandemia in alcuni focolai.

Ciò premesso, può la Commisione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Ritiene che tali accordi bilaterali possano causare svantaggi competitivi agli altri Stati e in che modo intende assicurare che non vi siano discriminazioni?

2. In che modo intende differenziare, anche all'interno dei singoli Stati, tra zone focolaio e zone che non hanno avuto particolari criticità, garantendo al contempo sicurezza e salute?

3. Intende promuovere un tavolo di confronto sul tema della riapertura delle frontiere e degli accordi multilaterali per la ripresa del turismo, richiamando tutti al rispetto del principio di solidarietà?

Sostenitori(1)

(1)La presente interrogazione è sostenuta da deputati diversi dagli autori: Marco Campomenosi (ID), Massimo Casanova (ID)
Ultimo aggiornamento: 8 giugno 2020Note legali - Informativa sulla privacy