Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
29 maggio 2020
E-003281/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Fulvio Martusciello (PPE)
 Risposta scritta 
 Risposta scritta 
 Risposta scritta 
 Risposta scritta 
 Oggetto: Elenco dei paesi terzi ad alto rischio in materia di norme antiriciclaggio

La Commissione europea ha incluso la Mongolia nell'elenco dei paesi terzi ad alto rischio in materia di norme antiriciclaggio.

Il governo della Mongolia ha incrementato i servizi di agenzia anticorruzione, procura generale, agenzia di polizia generale e rafforzamento dell'ufficio di polizia doganale.

Ha lavorato a stretto contatto con il FMI e la Banca asiatica di sviluppo per la supervisione dei settori DNFBP, con gli Stati Uniti su sequestro e confisca, con il governo australiano sull'attuazione delle sanzioni finanziarie previste. Ha quindi sviluppato strumenti di supervisione, procedure, linee guida, condotto valutazioni del rischio sia settoriali che individuali dei DNFBP e introdotto un approccio basato sul rischio.

Il 13 febbraio 2019 la Commissione ha adottato un regolamento delegato, respinto per motivi procedurali, che identifica le giurisdizioni di paesi terzi a norma dell'articolo 9 della direttiva (UE) 2015/849.

L'inclusione nell'elenco potrebbe causare un duro colpo all'economia, ledendo i numerosi accordi commerciali con molti dei Paesi membri dell'Unione europea.

Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Adotterà essa le misure appropriate per informare i paesi terzi che sono soggetti a un riesame (compresi quelli considerati "priorità 1") basandosi sui dialoghi esistenti tra l'Unione e i paesi terzi interessati?

2. Come può essa garantire che i paesi terzi interessati siano aggiornati in modo completo e tempestivo sull'adozione degli atti delegati?

Ultimo aggiornamento: 11 giugno 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy