Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 9k
10 giugno 2020
E-003455/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Fulvio Martusciello (PPE)
 Risposta scritta 
 Risposta scritta 
 Oggetto: Condizioni economiche sui contratti di concessioni autostradali

Nel 2006 la Commissione ha avviato la procedura di infrazione contro l'Italia n. 2006/2419, per il decreto legge 262/2006 (come modificato dalla legge n. 286/2006). Il decreto mirava a ridefinire l'intero quadro giuridico per le concessioni autostradali in Italia e doveva essere applicato a contratti di concessione sia futuri che esistenti.

Il procedimento è stato chiuso solo dopo che le autorità italiane hanno assunto, e attuato per legge (legge n. 101/2008), un impegno formale a rispettare per il futuro il principio pacta sunt servanda e, di conseguenza, a non intervenire più unilateralmente in termini economici dei contratti di concessione esistenti (incluso ASPI).

La DG Grow (allora DG Markt), compreso il suo commissario responsabile, ha inviato un numero significativo di lettere alle autorità italiane, esortandole ad un cambio di approccio completo: a stabilire un quadro giuridico chiaro e di lunga durata, che generi la fiducia degli investitori nella prevedibilità e stabilità del regime autostradale italiano; rispettare il principio pacta sunt servanda e, di conseguenza, non intervenire più unilateralmente sulle condizioni economiche dei contratti di concessione esistenti.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere al seguente quesito:

Cosa intende fare ora la Commissione, dato che il contratto di concessione è stato nuovamente modificato retroattivamente e unilateralmente dal governo italiano con l'articolo 35 del decreto Milleproroghe?

Ultimo aggiornamento: 27 giugno 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy