Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 45kWORD 10k
15 giugno 2020
E-003584/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta E-003584/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Luisa Regimenti (ID), Silvia Sardone (ID), Annalisa Tardino (ID), Elena Lizzi (ID), Gianantonio Da Re (ID), Rosanna Conte (ID), Gianna Gancia (ID), Stefania Zambelli (ID), Simona Baldassarre (ID), Catherine Griset (ID), Maximilian Krah (ID), Annika Bruna (ID), Gilles Lebreton (ID), Aurelia Beigneux (ID), Fulvio Martusciello (PPE), Daniela Rondinelli (NI), France Jamet (ID), Jadwiga Wiśniewska (ECR), Athanasios Konstantinou (NI)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Endometriosi: ricerca nel quadro del nuovo Programma Salute 2021-2027

Una donna su dieci in età fertile soffre di endometriosi, una dolorosa condizione uterina che provoca dolore e in alcuni casi persino disabilità o sterilità.

Le precise cause dell'endometriosi sinora sono sconosciute e non sono ad oggi state trovate cure efficaci. Inoltre, la diagnosi definitiva necessita di un intervento chirurgico invasivo.

L'endometriosi ha un grande impatto socio-economico sulla sfera personale e familiare della donna, ma altresì lavorativa, dovendo ricorrere spesso a congedi malattia o incorrendo in numerose assenze, ed economica, essendo le poche terapie ad oggi disponibili costose e di lunga durata.

In considerazione della risoluzione approvata dal Parlamento Europeo sulla promozione della parità di genere nella salute mentale e nella ricerca clinica, che citava specificamente il caso dell'endometriosi come esempio di discriminazione nella ricerca sulle patologie femminili e nel relativo trattamento, e dell'importanza di promuovere la ricerca sulle cause, sulla prevenzione e sul trattamento dell'endometriosi, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Come intende, nel quadro del programma dell'UE per la salute 2021-2027, promuovere la ricerca sull'endometriosi?

2. Intende favorire lo scambio dei dati clinici fra gli Stati membri, partendo dall'analisi dei dati per ambito geografico, al fine di stabilire strategie condivise di intervento sulla malattia?

Sostenitori(1)

(1)La presente interrogazione è sostenuta da deputati diversi dagli autori: Marco Dreosto (ID), Isabella Tovaglieri (ID), Dominique Bilde (ID)
Ultimo aggiornamento: 3 luglio 2020Note legali - Informativa sulla privacy