Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
9 luglio 2020
E-004096/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)
 Risposta scritta 
 Risposta scritta 
 Oggetto: Il nuovo Ponte di Genova e la lettera di Atlantia S.p.A. alla Commissione europea in merito alla vicenda delle concessioni autostradali con il Governo italiano

Il nuovo ponte di Genova dovrebbe essere inaugurato il prossimo 1°agosto, tuttavia ad oggi non è ancora stata nominata una società che si occupi del collaudo finale dell'infrastruttura, passaggio indispensabile per l'apertura del ponte alla viabilità,come dichiarato dal commissario per la ricostruzione e sindaco di Genova Marco Bucci.

Attualmente la società titolare della concessione del ponte autostradale è Autostrade per l’Italia (Aspi),controllata dalla holding AtlantiaS.p.A.,contro la quale il governo italiano ha avviato una procedura di contestazione dopo il crollo del ponte Morandi avvenuto il 14 agosto2018.

Recentemente Atlantia ha inviato una lettera alla Commissione che riguarderebbe l’articolo 35 del decreto-legge n.162 del 30dicembre2019, che dispone che l'amministrazione concedente possa revocare anticipatamente la concessione autostradale, la cui scadenza è attualmente fissata al 2038, senza dover riconoscere al concessionario la penale prevista, pari a 23 miliardi di euro. Come anticipato dal Financial Times, Atlantia riterrebbe che il governo italiano abbia "violato politicamente le norme europee sul libero mercato forzando" Atlantia "a cedere la sua quota di controllo di Aspi a Cassa depositi e prestiti a prezzi di saldo" a danno di "migliaia di investitori italiani ed esteri".

Considerata l'importanza di una pronta risposta, intende la Commissione, dato l'impatto occupazionale della decisione, rispondere velocemente ad Atlantia?

Visto il regolamento (CE) n. 1049/2001 sull'accesso ai documenti, intende la Commissione rendere pubblico il contenuto delle lettere?

Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy