Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 9k
9 luglio 2020
E-004097/2020
Interrogazione con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Valutazione del rischio di contagio da Coronavirus: dichiarazioni del febbraio 2020 del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC) 

Il 3 febbraio 2020 Andrea Ammon, direttrice esecutiva del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (ECDC), è intervenuta durante una riunione della commissione per l'ambiente al Parlamento europeo e ha dichiarato che, con riguardo al rischio di diffusione di COVID-19, "in Europa la situazione è sotto controllo" e che "la probabilità di un contagio diffuso da uomo a uomo in Europa è bassa".

Successivamente, nella riunione dell’ECDC del 18 e 19 febbraio 2020 a Stoccolma, gli esperti in materia sanitaria hanno discusso di COVID-19 e hanno ritenuto che i rischi legati alla diffusione del contagio del Coronavirus fossero bassi. In realtà, già a fine febbraio, il Coronavirus aveva raggiunto alti livelli di contagio in Italia e in altri paesi dell’UE.

Considerando che l’ECDC è l’agenzia dell’UE che ha il compito di “rafforzare le difese dell’Europa contro le malattie infettive” e che l’altissimo tasso di contagio del Coronavirus ha provocato una gravissima situazione sanitaria ed economica in Italia e in molti altri paesi nell'UE e nel mondo, la Commissione:

non ritiene che l’ECDC abbia sottovalutato la pericolosità della COVID-19 e abbia, di conseguenza, proceduto in ritardo all’analisi e alla comunicazione dei rischi di contagio del Coronavirus?

intende procedere alla definizione di linee guida più rigorose per l’attività dell’ECDC, al fine di evitare in futuro il ripetersi della situazione sopraesposta?

Ultimo aggiornamento: 21 luglio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy