Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 42kWORD 16k
6 novembre 2020
E-004816/2020(ASW)
Risposta di Ylva Johansson
a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-004816/2020

La Commissione segue da vicino la situazione e ha preso atto di relazioni e articoli come quello citato dagli onorevoli deputati.

La Commissione ha manifestato alle autorità greche la propria preoccupazione in merito a tali relazioni e ha sottolineato la responsabilità degli Stati membri di svolgere i doveri di sorveglianza di frontiera a norma del regolamento (UE) 2016/399 del Parlamento europeo e del Consiglio sul codice frontiere Schengen(1) nel pieno rispetto degli obblighi inerenti i diritti fondamentali, l'accesso alla protezione internazionale e il principio di non-refoulement (non respingimento) ai sensi del diritto dell'Unione e internazionale.

Fatti salvi i poteri della Commissione in quanto custode dei trattati, spetta in primo luogo alle autorità nazionali l'attuazione e la corretta applicazione del diritto dell'UE. La Commissione ha pertanto esortato le autorità greche a indagare su qualsiasi presunta condotta illecita.

Con il nuovo patto sulla migrazione e l'asilo(2), in particolare con la proposta di regolamento che introduce accertamenti nei confronti dei cittadini di paesi terzi alle frontiere esterne(3), la Commissione ha proposto che gli Stati membri istituiscano un meccanismo di monitoraggio indipendente con il sostegno dell'Agenzia dell'Unione europea per i diritti fondamentali. Tale meccanismo di monitoraggio garantirebbe il pieno rispetto del diritto dell'UE e internazionale durante gli accertamenti, compresa la Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea, e che le accuse di mancato rispetto dei diritti fondamentali siano trattate in modo efficace e senza indebiti ritardi, incluse quelle inerenti l'accesso alla procedura di asilo e l'inosservanza del principio di non-refoulement.

(1)Regolamento (UE) 2016/399 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 9 marzo 2016, che istituisce un codice unionale relativo al regime di attraversamento delle frontiere da parte delle persone (codice frontiere Schengen), GU L 77 del 23.3.2016.
(2)COM(2020) 609 final del 23 settembre 2020.
(3)COM(2020) 612 final del 23 settembre 2020.
Ultimo aggiornamento: 12 novembre 2020Note legali - Informativa sulla privacy