Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 9k
7 gennaio 2021
E-000061/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-000061/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: La Cina blocca carne di provenienza italiana

La Cina ha bloccato, lo scorso 3 gennaio, presso la dogana interna di Dong Guan alcuni container di carne suina congelata proveniente dall'Italia che, secondo le autorità cinesi, sarebbe a rischio per la diffusione di COVID. Si tratta di una scelta senza senso che rischia, come denunciato da Coldiretti, di nascondere una volontà di ostacolare i prodotti esteri per favorire quelli cinesi, con motivazioni che non hanno alcuna valenza scientifica. Queste violazioni delle più basilari regole commerciali mettono in difficoltà interi settori produttivi. Il Made in Italy subisce l'ennesimo danno proprio ora che cerca di risollevarsi, puntando anche sulle esportazioni.

Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. È a conoscenza di questi episodi?

2. Ha assunto una posizione a difesa dei prodotti italiani ed europei di fronte ad azioni scorrette senza motivazioni chiare e fondate?

3. Alla luce dei recenti accordi commerciali con la Cina, farà sentire la sua voce di fronte a queste azioni di concorrenza sleale?

Ultimo aggiornamento: 21 gennaio 2021Note legali - Informativa sulla privacy