Interrogazione parlamentare - E-000597/2021Interrogazione parlamentare
E-000597/2021

    Misure di tutela dei minori in Rete

    Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-000597/2021
    alla Commissione
    Articolo 138 del regolamento
    Luisa Regimenti (ID), Silvia Sardone (ID), Anna Bonfrisco (ID), Lucia Vuolo (ID), Elena Lizzi (ID), Marco Dreosto (ID), Stefania Zambelli (ID), Massimo Casanova (ID), Francesca Donato (ID), Gianna Gancia (ID), Simona Baldassarre (ID), Gilles Lebreton (ID), Bernhard Zimniok (ID), Carlo Fidanza (ECR), Joachim Kuhs (ID), Ioan-Rareş Bogdan (PPE), Sergio Berlato (ECR), Raffaele Stancanelli (ECR), Salvatore De Meo (PPE), Daniela Rondinelli (NI), Vilija Blinkevičiūtė (S&D), Ivan Vilibor Sinčić (NI), Ivan Štefanec (PPE), Elżbieta Kruk (ECR), Herve Juvin (ID)

    Il fenomeno della pedofilia ha assunto oggi connotazioni di inaudita gravità, non solo in conseguenza della diffusione su larga scala di materiale per effetto della Rete, ma anche perché quest’ultima consente un interscambio intimo tra eventuali interlocutori, eliminando alcuni “gap” – anagrafici, culturali – che normalmente limitano il rapporto tra adulto e minorenne.

    Le attività del legislatore europeo non tengono in effetti in considerazione tutte quelle fattispecie in cui l’abuso sessuale è consumato direttamente in rete, ossia in cui il materiale pedopornografico è fornito dal minore a seguito dell’instaurarsi di un rapporto di fiducia tra il predatore e la vittima.

    Non solo: l’uso non controllato di internet può favorire l’accesso a contenuti non adatti ai minorenni, quali i siti che esaltano le pratiche di anoressia e bulimia, compresi i siti che istigano al suicidio e all’autolesionismo.

    Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

    Ultimo aggiornamento: 12 febbraio 2021
    Note legali - Informativa sulla privacy