Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
9 febbraio 2021
E-000786/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-000786/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Luisa Regimenti (ID), Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Necessità di un protocollo sanitario di visita dei familiari ai malati più fragili e ai pazienti morenti nelle strutture sanitarie europee

A quasi un anno dalla deflagrazione del virus SARS-CoV-2, nella maggior parte delle strutture sanitarie europee non è ancora permesso a malati gravi ed in fin di vita di ricevere visite dai propri cari.

Nei casi di decesso le vittime si trovano in una prolungata solitudine forzata, con intollerabili traumi anche per i familiari.

Quanto sopra costituisce un imperdonabile violazione dei diritti umani, trattandosi di un’interruzione ingiustificata dei legami familiari, tutelati dall’art. 8 CEDU e dall’art. 7 della Carta di Nizza, giacché esisterebbero gli strumenti necessari per organizzare le visite. Difatti, alcune strutture hanno già individuato protocolli di visita ai malati più fragili e ai pazienti morenti, non riscontrando casi di contagio dovuto al contatto.

Finora molti familiari hanno appreso della morte del loro parente solo tramite una telefonata, senza che sia stato loro concesso un ultimo saluto, a causa della mancanza di strutture protettive nelle strutture sanitarie, quali vetri o porte, oppure divisori in plastica muniti di appositi bracci mediante i quali il visitatore possa vedere e toccare l’altra persona in completa sicurezza.

Tanto premesso, può la Commissione chiarire:

1. Come intende incoraggiare nel concreto le visite dei cari ai malati più fragili e ai pazienti morenti nelle strutture sanitarie europee?

2. Se intende in tal senso fornire il supporto necessario in termine di fondi e attrezzature alle autorità sanitarie nazionali?

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2021Note legali - Informativa sulla privacy