Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 10k
9 febbraio 2021
E-000794/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-000794/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Simona Baldassarre (ID), Silvia Sardone (ID), Matteo Adinolfi (ID), Annalisa Tardino (ID), Francesca Donato (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: COVID-19 e impatto della cyber-dipendenza sui giovani

Milioni di studenti in Europa sono stati colpiti dalla pandemia di COVID-19. Con la chiusura delle scuole è aumentato il tempo che passano davanti a computer, telefoni e tablet. Pertanto, sono notevolmente cresciuti i casi di cyber-dipendenza giovanile, patologia con ripercussioni gravi sulla salute mentale, il ritmo cardiaco, le interazioni familiari, le attività sociali e la difficoltà sempre maggiore a distinguere tra vita reale e virtuale. Solo in Italia si stimano oltre 300mila casi, con il 79% dei ragazzi (tra gli 11 e i 18 anni) che trascorre più di quattro ore al giorno sui social, il che indica la necessità di intervenire tempestivamente.

Ciò premesso, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. A fronte del programma EU4Health, come si intende tutelare la salute mentale dei giovani e assistere coloro che sono già affetti da cyber-dipendenza?

2. Come intende garantire un'istruzione di qualità per i ragazzi, nonché il passaggio dagli effetti negativi della dipendenza agli indubbi vantaggi dell'innovazione digitale?

3. In seguito all'approvazione della direttiva sul diritto alla disconnessione per i lavoratori, ritiene che anche gli studenti debbano godere di tale diritto nel contesto del piano d'azione per l'istruzione digitale?

Ultimo aggiornamento: 25 febbraio 2021Note legali - Informativa sulla privacy