Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 9k
13 aprile 2021
E-001966/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-001966/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Marco Dreosto (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Alimenti preimballati messi in vendita mediante tecniche di comunicazione a distanza

L'articolo 14, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (UE) n. 1169/2011, relativo alle vendite a distanza degli alimenti preimballati, afferma che "tutte le indicazioni obbligatorie sono disponibili al momento della consegna".

Molte aziende che consegnano in vari paesi dell'UE non sempre dispongono di prodotti etichettati nella lingua del paese di destinazione e tale disposizione accresce gli oneri di etichettatura dell'operatore.

Alla luce di quanto precede, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Nel caso vengano consegnati prodotti etichettati in una lingua diversa da quella del paese di destinazione, la "disponibilità" delle informazioni può essere resa anche solo attraverso un foglio illustrativo/documento di accompagnamento, inserito nell'imballo, contenente tutte le informazioni nella lingua del paese di consegna?

2. Oppure si deve applicare l'articolo 12, paragrafo 2, del regolamento (UE) n. 1169/2011, in base al quale "le informazioni obbligatorie sugli alimenti preimballati appaiono direttamente sull'imballaggio o su un'etichetta a esso apposta"?

Ultimo aggiornamento: 3 maggio 2021Note legali - Informativa sulla privacy