Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 51kWORD 10k
26 aprile 2021
E-002239/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-002239/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Domènec Ruiz Devesa (S&D), Juan Fernando López Aguilar (S&D), Milan Brglez (S&D), Dietmar Köster (S&D), Cornelia Ernst (The Left), Erik Marquardt (Verts/ALE), Malin Björk (The Left), Tanja Fajon (S&D), Bettina Vollath (S&D), Pietro Bartolo (S&D), Pierfrancesco Majorino (S&D), Javier Moreno Sánchez (S&D)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Revoca del permesso di soggiorno per rifugiati siriani in Danimarca

Il 14 aprile 2020, il Guardian il ha pubblicato il seguente articolo: "La Danimarca revoca i permessi di soggiorno dei rifugiati siriani e afferma che il rimpatrio è sicuro". Secondo l'articolo dall'estate scorsa ad almeno 189 siriani è stata respinta la domanda di rinnovo del loro status di soggiorno temporaneo, a motivo della constatazione che la sicurezza a Damasco e nella sua area metropolitana è migliorata. L'articolo afferma inoltre che dal 2011 i servizi segreti del regime hanno detenuto, torturato e fatto scomparire oltre 100 000 persone e che le detenzioni arbitrarie sono diffuse. Le zone sotto il controllo del regime sono instabili e in fase di ricostruzione, servizi come l'acqua e l'elettricità sono scarsi e il crollo della sterlina siriana ha determinato un aumento dei prezzi alimentari del 230 %.

Data la mancanza di relazioni diplomatiche con la Siria, la Danimarca non può allontanare le persone, il che comporta il collocamento dei richiedenti respinti in centri di trattenimento. Per gli uomini la Danimarca riconosce il rischio di essere arruolati nell'esercito siriano o puniti per la renitenza alla leva, per cui la politica colpisce principalmente le donne e gli anziani.

1. Ritiene la Commissione che la Siria sia un paese sicuro che garantisce i diritti fondamentali alle persone rimpatriate?

2. Ha sostenuto finanziariamente il ritorno dei rifugiati in Siria, o sta valutando la possibilità di farlo in futuro?

3. Quali misure intende intraprendere nei confronti di tale comportamento?

Lingua originale dell'interrogazione: EN
Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2021Note legali - Informativa sulla privacy