Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 9k
15 giugno 2021
E-003141/2021/rev.1
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-003141/2021/rev.1
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Problemi legati alla rotta balcanica

È ormai da diversi anni che la cosiddetta "rotta balcanica" costituisce un grave problema per le nazioni europee coinvolte e non solo. Partendo dalla Turchia, migliaia di persone tentano di raggiungere a piedi i paesi dell'UE per poi spostarsi liberamente all'interno dello spazio Schengen. Una volta entrati nel territorio dell'UE però, molti non riescono a trovare lavoro o ad adattarsi al cambiamento di vita e si trovano a delinquere, a spacciare e a rifugiarsi in edifici pubblici o privati occupandoli abusivamente. Uno dei paesi che favorisce questa immigrazione irregolare è certamente la Turchia che si trova in una posizione nevralgica tra Oriente e Occidente.

Ciò premesso, si chiede alla Commissione di rispondere ai seguenti quesiti:

1. secondo i dati in suo possesso, quante persone entrano annualmente nei paesi europei tramite la rotta balcanica?

2. Quali politiche concrete sta attuando per fermare questo flusso migratorio irregolare?

3. A quali risultati ha portato l’accordo tra UE e Turchia sui migranti firmato nel 2016?

Ultimo aggiornamento: 15 luglio 2021Note legali - Informativa sulla privacy