Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 9k
24 agosto 2021
E-003937/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-003937/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Susanna Ceccardi (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Omissione nella pubblicazione in lingua italiana del regolamento (UE) 2021/953 del divieto di discriminare coloro che non possiedono il green pass

Il regolamento (UE) 2021/953 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2021, sul certificato COVID digitale dell'UE si prefigge l'obiettivo, tra gli altri, di agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di COVID-19 nello spazio Schengen.

Nella prima pubblicazione in lingua italiana del citato regolamento nella Gazzetta Ufficiale dell'UE, al considerando 36 sarebbe stato omesso una parte del testo in cui si precisava il divieto di discriminare coloro che non possiedono il green pass ovvero coloro che non hanno voluto vaccinarsi, così che per essi il non possesso del green pass non avrebbe costituito in alcun modo uno strumento di discriminazione.

L'errore, successivamente rettificato, ha destato clamore mediatico in Italia ed è stato ripreso poi dai principali organi di stampa.

Ciò premesso, può la Commissione indicare:

1. se, a fronte della grave omissione della parte di testo di cui alla vicenda, è stato avviato un approfondimento per verificare le responsabilità e quale sia stato l'esito; e

2. qual è l'organo, alla luce di una correzione di tale importanza, deputato a verificare la corrispondenza tra i testi approvati dal Parlamento e quanto poi pubblicato nella Gazzetta Ufficiale dell'Unione europea, così da constatarne la correttezza?

Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2021Note legali - Informativa sulla privacy