Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
17 novembre 2021
E-005149/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-005149/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)
 Oggetto: Pesca sportiva a rischio in Italia per l’applicazione della Direttiva Habitat: la Commissione UE tuteli il settore e l’indotto

Le associazioni di pescatori italiane e gli assessori regionali alla pesca hanno reso noto che la sopravvivenza della stagione di pesca 2022 è messa a rischio dall’applicazione della Direttiva Habitat 92/43/CEE, che limita l’immissione nelle acque di specie ittiche non autoctone.

Le normative di Attuazione della Direttiva Habitat, il D.P.R.357/1997(1) e il D.M. 2aprile2020(2), annoverano fra le specie non autoctone talune specie ittiche in realtà da molti anni presenti e allevate in Italia, fra cui trote fario, trote lacustri, salmerini, coregoni, barbi.

Tale implementazione mette in ginocchio il settore della pesca sportiva ed amatoriale che conta circa 2 milioni di appassionati in Italia, i Campionati del Mondo Pesca a mosca 2022 recentemente assegnati al Trentino, l’attività delle pescicolture e le aziende produttrici e distributrici di attrezzature per la pesca con la conseguente perdita di migliaia di posti di lavoro.

Preso atto che da anni le specie ora vietate sono integrate nell’ecosistema ittico italiano e considerato che l’impatto della regolamentazione sulla pesca sportiva avrà de facto effetti negativi sia sulla biodiversità ittica, sia sul settore turistico-ricreativo e sul relativo indotto, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. Come interverrà per salvaguardare la biodiversità ittica messa a rischio dall’implementazione della Direttiva Habitat 92/43/CEE?

2. Come intende tutelare le attività turistico-ricreative legate alla pesca che in Italia generano un indotto di circa 3 miliardi di euro?

(1)D.P.R. 357/1997 “Regolamento recante attuazione della direttiva 92/43/CEE relativa alla conservazione degli habitat naturali e seminaturali, nonché della flora e della fauna selvatiche”.
(2)D.M. 2 aprile 2020 “Criteri per la reintroduzione e il ripopolamento delle specie autoctone di cui all'allegato D del decreto del Presidente della Repubblica 8 settembre 1997, n. 357, e per l'immissione di specie e di popolazioni non autoctone”.
Ultimo aggiornamento: 30 novembre 2021Note legali - Informativa sulla privacy