Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
9 dicembre 2021
E-005510/2021
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-005510/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Isabella Tovaglieri (ID), Susanna Ceccardi (ID), Paolo Borchia (ID), Marco Dreosto (ID)
 Oggetto: Vent'anni di Cina all'OMC e rischi per la transizione energetica

Recentemente il Corriere della Sera e Dataroom hanno pubblicato alcuni dati sugli effetti dei vent'anni della Cina come membro dell'Organizzazione mondiale del commercio (OMC).

Si nota ancora una volta, nonostante le promesse di Pechino e gli auspici della comunità internazionale, come la Repubblica Popolare Cinese (RPC) mantenga una forte asimmetria nel suo comportamento commerciale.

Alle aperture concesse dai vari paesi Pechino ha risposto continuando a mantenere aiuti di Stato, sussidi, protezionismo nell'accesso al mercato interno e negli appalti, scarsa protezione del diritto di proprietà intellettuale, interferenza statale e di partito nell'economia e sussidi alle esportazioni. In aggiunta, la RPC quasi monopolizza e controlla le esportazioni di molti materiali critici da cui l'UE è dipendente per la transizione energetica.

Alla luce di ciò, può la Commissione indicare:

1. come valuta i primi vent'anni di adesione della Cina all'OMC e il relativo impatto sull'economia europea;

2. quali iniziative intende perseguire per proteggerci da pratiche sleali, viste le perduranti e attive distorsioni commerciali poste in essere dalla RPC nelle sue esportazioni, anche di materiali critici; e

3. se ritiene necessario riconsiderare le tappe della transizione energetica, in considerazione del quasi monopolio cinese sui materiali critici, della possibile minaccia di limitazioni alle esportazioni e delle relative conseguenze sulle nostre industrie e filiere produttive?

Ultimo aggiornamento: 14 dicembre 2021Note legali - Informativa sulla privacy