• EN - English
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-000296/2022Interrogazione parlamentare
E-000296/2022

Quote latte 2005-2006: sentenza della Corte di giustizia dell'UE dichiara i criteri supplementari stabiliti dall'AGEA in contrasto con l'allora normativa dell'Unione

Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-000296/2022
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Mara Bizzotto (ID)

Sull'annosa questione delle quote latte, la sentenza della Corte di giustizia dell'UE del 13 gennaio 2022 ha stabilito che, ai sensi dell'articolo 16, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 595/2004, i criteri stabiliti dalla normativa italiana del 2003 per la restituzione delle multe pagate in eccesso violavano la normativa dell'UE del tempo.

La sentenza nella causa C-377/19 ha quindi accolto il ricorso presentato da otto allevatori italiani contro l'AGEA (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) in relazione all'applicazione di criteri supplementari nell'annata di produzione lattiera 2005-2006.

Secondo la normativa italiana, i produttori in regola con i versamenti delle multe rappresentavano una categoria prioritaria per la restituzione del prelievo riscosso in eccesso. Tuttavia, solo dopo il 2006 la normativa dell'UE ha dato la possibilità agli Stati membri di aggiungere criteri supplementari, previa consultazione della Commissione.

La summenzionata sentenza dovrebbe chiudere l'annoso problema delle quote latte, visto che tutte le annate oggetto di prelievi supplementari sono state, di fatto, dichiarate nulle.

Dal momento che, da oltre vent'anni, diverse migliaia di allevatori italiani devono pagare multe comminate con l'accusa di aver sforato le quote di produzione del latte assegnate all'Italia dall'UE, può la Commissione indicare se:

si impegnerà, in collaborazione con il governo italiano, a porre fine all'annosa questione delle quote, che ha messo in ginocchio moltissimi produttori italiani, concordando una soluzione politica, come richiesto anche da Franco Verrascina, presidente della Copagri?

Ultimo aggiornamento: 4 febbraio 2022
Note legali - Informativa sulla privacy