Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 20k
13 maggio 2022
E-000388/2022(ASW)
Risposta di Olivér Várhelyi
a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-000388/2022

L'UE considera libertà e pluralismo dei media un principio fondamentale, e per questo sta rafforzando i suoi strumenti per difenderli e promuoverli sia all'interno dei suoi confini sia a livello di politica esterna.

La Commissione ha seguito la vicenda dell'arresto e della detenzione della giornalista Sedef Kabaş. Come sottolineato nella relazione 2021 della Commissione sulla Turchia(1), la libertà di espressione nel paese risente negativamente dell'aumento delle pressioni e delle misure restrittive nei confronti di giornalisti, media indipendenti e voci critiche. Le detenzioni preventive e i procedimenti penali a carico di giornalisti, difensori dei diritti umani e altre persone sono ricorrenti e dimostrano il preoccupante passo indietro della Turchia nell'ambito delle libertà fondamentali . L'applicazione selettiva e arbitraria della legislazione desta preoccupazioni in quanto viola i principi fondamentali dello Stato di diritto e del diritto a un processo equo.

Nell'ambito dello strumento di assistenza preadesione (IPA) III, la Commissione continuerà a utilizzare il programma relativo allo strumento di vicinato per la società civile e ai media(2) per offrire sostegno finanziario alla società civile turca. Il programma, che consentirà all'UE di sostenere direttamente iniziative civiche e progetti basati sui diritti, intervenendo su un'ampia gamma di temi, sarà integrato da azioni che coinvolgeranno le organizzazioni della società civile, attuate attraverso i programmi bilaterali IPA e il programma tematico sui diritti umani e la democrazia 2021-2027(3).

Dal 2018, e a causa dell'allontanamento della Turchia dell'UE, i negoziati per l'adesione del paese sono di fatto a un punto morto e non si può prendere in considerazione l'apertura o la chiusura di altri capitoli. In ogni caso, qualsiasi eventuale decisione di porre formalmente fine a tali negoziati spetterebbe agli Stati membri dell'UE e andrebbe adottata conformemente alle disposizioni del quadro negoziale.

(1)https://ec.europa.eu/neighbourhood-enlargement/turkey-report-2021_en
(2)https://ec.europa.eu/neighbourhood-enlargement/enlargement-policy/policy-highlights/civil-society_en
(3)https://ec.europa.eu/international-partnerships/system/files/mip-2021-c2021-9620-human-rights-democracy-annex_en.pdf
Ultimo aggiornamento: 13 maggio 2022Note legali - Informativa sulla privacy