Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

Interrogazioni parlamentari
PDF 43kWORD 20k
4 aprile 2022
E-000491/2022(ASW)
Risposta di Didier Reynders
a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: E-000491/2022

La Commissione ha effettivamente proposto di prorogare il periodo di applicazione del regolamento sul certificato COVID digitale dell'UE(1) fino al 30 giugno 2023(2). Un nuovo aumento delle infezioni nella seconda metà del 2022, dovuto anche all'emergere di nuove varianti, è una possibilità reale. Di conseguenza gli Stati membri potrebbero considerare necessario continuare a richiedere una prova di vaccinazione, di test o di guarigione oltre il 30 giugno 2022. È importante garantire che i cittadini possano continuare a utilizzare il certificato COVID digitale dell'UE per i viaggi all'interno dell'Unione.

Tuttavia tale proroga non dovrebbe essere intesa come un obbligo per gli Stati membri, in particolare quelli che decideranno di revocare le misure nazionali di sanità pubblica, di mantenere o imporre restrizioni alla libera circolazione. Tutte le restrizioni alla libera circolazione delle persone all'interno dell'Unione attuate per limitare la diffusione del coronavirus, compreso l'obbligo di presentare un certificato COVID digitale dell'UE, dovrebbero essere revocate non appena la situazione epidemiologica lo consenta.

La Commissione garantisce la cooperazione tra gli Stati membri durante la pandemia per una migliore risposta alla crisi sanitaria. Tuttavia spetta essenzialmente agli Stati membri stabilire quali misure di protezione sanitaria siano più appropriate in risposta alla pandemia. A norma dell'articolo 168, paragrafo 7, del trattato sul funzionamento dell'Unione europea, l'organizzazione e la fornitura di servizi sanitari e di assistenza medica, incluse le strategie per i vaccini e i test contro la COVID-19, sono di competenza nazionale. Le decisioni sull'utilizzo nazionale dei certificati COVID-19 e sull'obbligo di indossare le mascherine rientrano nelle competenze degli Stati membri.

(1)Regolamento (UE) 2021/953 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2021, su un quadro per il rilascio, la verifica e l'accettazione di certificati interoperabili di vaccinazione, di test e di guarigione in relazione alla COVID-19 (certificato COVID digitale dell'UE) per agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di COVID-19 (GU L 211 del 15.6.2021, pag. 1); cfr. https://eur-lex.europa.eu/eli/reg/2021/953/oj?locale=it.
(2) Proposta di regolamento del Parlamento europeo e del Consiglio che modifica il regolamento (UE) 2021/953 su un quadro per il rilascio, la verifica e l'accettazione di certificati interoperabili di vaccinazione, di test e di guarigione in relazione alla COVID-19 (certificato COVID digitale dell'UE) per agevolare la libera circolazione delle persone durante la pandemia di COVID-19, COM(2022) 50 final; cfr. https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52022PC0050&from=EN.
Ultimo aggiornamento: 6 aprile 2022Note legali - Informativa sulla privacy