Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 41kWORD 10k
6 aprile 2022
E-001389/2022
Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-001389/2022
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Marco Dreosto (ID), Rosanna Conte (ID), Gianna Gancia (ID), Elena Lizzi (ID), Marco Campomenosi (ID), Massimo Casanova (ID), Alessandra Basso (ID), Alessandro Panza (ID), Susanna Ceccardi (ID), Matteo Adinolfi (ID)
 Oggetto: Richiesta di indicazioni di supporto agli Stati membri per il recupero, l’allevamento e la commercializzazione di razze zootecniche autoctone da parte dell’UE

Il patrimonio zootecnico dell’UE è oggi ridotto a pochissime razze da reddito, selezionate per il rapido accrescimento o per la migliore produzione di latte o di uova. Molte razze marginali, piú rustiche ed adattabili, in grado di fornire prodotti di alta qualitá ma in misura minore ed in tempi piú lunghi vengono o sono state giá abbandonate, a causa degli elevati costi di mantenimento, stabulazione o per le difficoltá legate alla filiera commerciale. Paesi come l’Italia stanno perdendo una biodiversitá zootecnica unica al mondo, che ricomprende razze di mammiferi ed uccelli che si sono adattate nella selezione alle piú diverse condizioni ambientali, climatiche ed alimentari, espressione peraltro della memoria sociale, storica e culturale di moltissime comunitá rurali.

Ciò premesso, può la Commissione far sapere:

1. se condivida, anche in riferimento a quanto previsto dalla strategia "Dal produttore al consumatore", la necessità di fornire celeri, specifici indirizzi agli Stati membri, allo scopo di incentivare l’allevamento di razze autoctone locali;

2. se e in che modo intenda aiutare le piccole aziende agricole o i giovani allevatori ad intraprendere un processo di allevamento rivolto alle razze autoctone, considerati i tempi, le condizioni di allevamento o le difficoltá legate alla filiera commerciale.

Sostenitori(1)

(1)La presente interrogazione è sostenuta da deputati diversi dagli autori: Gianantonio Da Re (ID), Simona Baldassarre (ID)
Ultimo aggiornamento: 19 aprile 2022Note legali - Informativa sulla privacy