• EN - English
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-002702/2022(ASW)Interrogazione parlamentare
E-002702/2022(ASW)

    Risposta dell'Alto Rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell Fontelles a nome della Commissione europea

    L'UE ha una chiara politica a sostegno di un'unica Cina, per la quale continua ad impegnarsi insieme ai suoi Stati membri.

    Nell'ambito di questa politica di un'unica Cina l'UE riconosce il governo della Repubblica popolare cinese come l'unico governo legittimo della Cina, pur perseguendo relazioni amichevoli e una stretta cooperazione con Taiwan in un ampio ventaglio di settori. In sintesi: l'UE intrattiene un dialogo con Taiwan anche in assenza di un riconoscimento diplomatico, perseguendo contemporaneamente relazioni amichevoli e una stretta cooperazione con Taiwan in un ampio ventaglio di settori.

    L'UE è preoccupata per il recente intensificarsi di attività militari dell'Esercito popolare di liberazione nello stretto di Taiwan e nelle zone limitrofe a Taiwan: incursioni nella zona di identificazione della difesa aerea di Taiwan, esercitazioni militari a fuoco vivo e un numero senza precedenti di lanci di missili. Tale preoccupazione è stata espressa pubblicamente il 3 agosto 2022 nelle dichiarazioni dei ministri degli esteri del G7 e dell'Alto Rappresentante dell'UE[1] e successivamente, il 5 agosto 2022, dall'Alto Rappresentante/Vicepresidente al Forum regionale dell'Associazione delle nazioni del sud-est asiatico (ASEAN) a Phnom Penh[2]. Non vi è alcuna giustificazione al ricorso a una visita parlamentare come motivo scatenante per un'attività militare aggressiva nello stretto di Taiwan. È normale e abituale che i legislatori effettuino viaggi all'estero.

    L'UE ha interesse a preservare la pace e lo status quo nello stretto di Taiwan nonché il sistema democratico di governance di Taiwan. L'UE incoraggia una risoluzione pacifica delle problematiche che interessano le due sponde dello stretto. Le tensioni dovrebbero essere risolte attraverso il dialogo.

    L'ambasciatore designato assumerà le sue funzioni solo dopo aver presentato le proprie credenziali.

    Ultimo aggiornamento: 7 settembre 2022
    Note legali - Informativa sulla privacy