• EN - English
  • IT - italiano
Interrogazione parlamentare - E-003095/2022Interrogazione parlamentare
E-003095/2022

    Inglese lingua ufficiale senza Stato richiedente

    16.9.2022

    Interrogazione con richiesta di risposta scritta  E-003095/2022
    al Consiglio
    Articolo 138 del regolamento
    Francesca Donato (NI)

    L'articolo 8 del regolamento 1/1958 prescrive che "Per quanto concerne gli Stati membri in cui esistono più lingue ufficiali, l'uso della lingua sarà determinato, a richiesta dello Stato interessato", ma né Irlanda né Malta hanno richiesto l'inglese e, tantomeno, il Consiglio se ne può arbitrariamente arrogare implicitamente il diritto a farlo per giustificare la sua permanenza nell'UE uscito l'unico Stato che ne aveva fatta richiesta[1] .

    Dopo lo slovacco[2] l'inglese è ora la diciassettesima lingua dell'UE, storicamente imposta dal colonizzatore britannico a irlandesi/maltesi, oggi circa 5 milioni di persone. Eppure, nonostante le molte norme che affermano il multilinguismo e vietano la discriminazione linguistica[3], il Consiglio, contrariamente a qualsiasi principio di democrazia, la utilizza in modo pressoché esclusivo nella comunicazione, contra lègem e contro i 445 milioni di eurocittadini non di madre lingua inglese.

    Ciò premesso, si chiede al Consiglio di rispondere alle seguenti domande:

    Ultimo aggiornamento: 22 settembre 2022
    Note legali - Informativa sulla privacy