• EN - English
  • FR - français
  • IT - italiano
  • NL - Nederlands
Interrogazione parlamentare - E-003157/2022(ASW)Interrogazione parlamentare
E-003157/2022(ASW)

    Risposta dell'Alto Rappresentante/Vicepresidente Josep Borrell i Fontelles a nome della Commissione europea

    L'Alto Rappresentante/Vicepresidente (AR/VP) desidera informare che, attraverso i propri canali diretti con le autorità iraniane, ha ripetutamente chiesto l'assunzione di responsabilità per la morte di Mahsa Amini e la moderazione della risposta sproporzionata del governo alle proteste pacifiche.

    L'AR/VP, a nome degli Stati membri[1], ha invitato l'Iran a porre immediatamente fine al ricorso diffuso e sproporzionato della forza contro i manifestanti non violenti e a garantire il libero flusso di informazioni. In quanto parte del Patto internazionale relativo ai diritti civili e politici, l'Iran è tenuto a rispettare rigorosamente i principi in esso sanciti, compreso il diritto di manifestare pacificamente.

    A seguito delle proposte presentate dall'AR/VP in occasione dei Consigli «Affari esteri» del 17 ottobre 2022 e del 14 novembre 2022, il Consiglio ha aggiunto 40 persone e 7 entità all'elenco delle persone soggette a misure restrittive[2] in considerazione del ruolo svolto nella morte di Mahsa Amini e della risposta violenta alle manifestazioni che ne sono derivate[3].

    Come affermato dall'AR/VP durante il suo intervento al Parlamento europeo il 4 ottobre 2022[4], l'UE valuta tutte le opzioni di cui dispone, comprese le misure restrittive, per prendere posizione rispetto all'uccisione di Mahsa Amini e alla modalità di risposta alle manifestazioni pacifiche.

    Ultimo aggiornamento: 5 dicembre 2022
    Note legali - Informativa sulla privacy