Interpellanze
PDF 97kWORD 18k
12 aprile 2017
G-000004/2017

Interpellanza principale con richiesta di risposta scritta seguita da discussione G-000004/2017

alla Commissione

Articolo 130 ter del regolamento

Monika Smolková, Olga Sehnalová, Pavel Poc, Eric Andrieu, Hilde Vautmans, Brian Hayes, Lynn Boylan, Petras Auštrevičius, Karoline Graswander-Hainz, Alfred Sant, Petri Sarvamaa, Momchil Nekov, Bogusław Liberadzki, Marian Harkin, Stanislav Polčák, Boris Zala, Pirkko Ruohonen-Lerner, Matt Carthy, Martina Anderson, Liadh Ní Riada, Branislav Škripek, Bronis Ropė, Anna Záborská, Miroslav Mikolášik, Nessa Childers, Biljana Borzan, Jiří Pospíšil, Luke Ming Flanagan, Dubravka Šuica, Maria Arena, Vladimír Maňka, Ulrike Müller, Kateřina Konečná, Bart Staes, Pál Csáky, József Nagy, Annie Schreijer-Pierik, Norica Nicolai, Davor Škrlec, Martin Häusling, Sirpa Pietikäinen, Ivan Štefanec


  Oggetto:              Seguito allo scandalo relativo alle importazioni di carne brasiliana

Nelle ultime settimane ci sono state segnalazioni relative a pratiche commerciali illegali utilizzate dall'industria della trasformazione della carne in Brasile. Pare che i più grandi impianti di trasformazione, per anni, abbiano esportato in tutto il mondo carni e pollame inferiori agli standard minimi. Stando alle segnalazioni la carne avariata sarebbe stata trattata con sostanze chimiche, il suo volume sarebbe stato aumentato usando cartone e, in alcuni casi, avrebbe contenuto tracce di salmonella. La corruzione sarebbe il motivo per cui tutte queste pratiche illegali sono sfuggite alle agenzie brasiliane di monitoraggio.

Il 3 aprile 2017 il commissario europeo per la salute e la sicurezza alimentare, Vytenis Andriukaitis, ha comunicato al Parlamento europeo che l'UE possiede gli standard di sicurezza alimentare più elevati al mondo ma che, nonostante ciò, le agenzie nazionali di monitoraggio degli Stati membri hanno individuato numerosi casi di prodotti a base di carne avariata o inferiore agli standard minimi che hanno raggiunto il mercato unico.

Poiché il commissario Andriukaitis non è stato in grado di rispondere in modo esauriente alle domande postegli dalla commissione AGRI, permangono dubbi circa la sicurezza dei prodotti alimentari importati nel mercato europeo.

Lingua originale dell'interrogazione: SK
Avvertenza legale - Informativa sulla privacy