Interrogazione parlamentare - H-0222/2010Interrogazione parlamentare
H-0222/2010

    Discriminazione dei cittadini polacchi da parte dell'Ufficio tedesco di assistenza ai minori (Jugendamt)

    INTERROGAZIONE ORALE H-0222/10
    per il tempo delle interrogazioni della tornata di maggio 2010
    a norma dell'articolo 116 del regolamento
    di Konrad Szymański
    alla Commissione

    La Commissione ha più volte garantito di essere consapevole dei problemi che sorgono in relazione alle attività dell'Ufficio tedesco di assistenza ai minori (Jugendamt) nelle questioni transfrontaliere.

     

    In che modo è intervenuta in merito la Commissione, considerato il suo impegno nella protezione dei diritti dei minori contro ogni forma di discriminazione e disparità di trattamento?

     

    In che modo intende promuovere uno scambio di esperienze tra magistrati tedeschi e polacchi inteso a migliorare la politica dei tribunali, conformemente alla dichiarazione iniziale del commissario Jacques Barrot nella sua risposta in data 15 dicembre 2008 (E-5951/08)?

     

    La Commissione condivide il parere secondo il quale l'obbligo di esprimersi in tedesco durante le visite del genitore polacco può condurre a un peggioramento dello stato psichico del bambino, costituire una violazione ai diritti e alla libertà di quest'ultimo e rappresentare una discriminazione fondata sulla lingua?

     

     

    Presentazione: 30.04.2010

    pl