Procedura : 2016/2966(RSP)
Ciclo di vita in Aula
Ciclo del documento : O-000121/2016

Testi presentati :

O-000121/2016 (B8-1805/2016)

Discussioni :

PV 23/11/2016 - 14
CRE 23/11/2016 - 14

Votazioni :

Testi approvati :


Interrogazioni parlamentari
PDF 197kWORD 17k
12 ottobre 2016
O-000121/2016
Interrogazione con richiesta di risposta orale O-000121/2016
al Consiglio
Articolo 128 del regolamento
Anna Maria Corazza Bildt, Barbara Matera, Constance Le Grip, Teresa Jiménez-Becerril Barrio, Carlos Coelho, Birgit Collin-Langen, Mariya Gabriel, Francesc Gambús, Ingeborg Gräßle, Monika Hohlmeier, Elisabeth Köstinger, Agnieszka Kozłowska-Rajewicz, Jeroen Lenaers, Elisabeth Morin-Chartier, Siegfried Mureşan, Alessandra Mussolini, Jan Olbrycht, Alojz Peterle, Sirpa Pietikäinen, Franck Proust, Sofia Ribeiro, Tokia Saïfi, Csaba Sógor, Dubravka Šuica, Róża Gräfin von Thun und Hohenstein, Romana Tomc, Vladimir Urutchev, Axel Voss, Elissavet Vozemberg-Vrionidi, Theodoros Zagorakis, Tomáš Zdechovský, Milan Zver, a nome del gruppo PPE
Christine Revault D'Allonnes Bonnefoy, Iratxe García Pérez, Maria Arena, Birgit Sippel, Claude Moraes, Eric Andrieu, Lucy Anderson, Hugues Bayet, Vilija Blinkevičiūtė, Biljana Borzan, Viorica Dăncilă, Jean-Paul Denanot, Tanja Fajon, Ana Gomes, Sylvie Guillaume, Anna Hedh, Afzal Khan, Cécile Kashetu Kyenge, Miltiadis Kyrkos, Olle Ludvigsson, Edouard Martin, Maria Noichl, Péter Niedermüller, Emilian Pavel, Vincent Peillon, Pina Picierno, Kati Piri, Soraya Post, Evelyn Regner, Virginie Rozière, Liliana Rodrigues, Julie Ward, a nome del gruppo S&D
Beatriz Becerra Basterrechea, Angelika Mlinar, Hilde Vautmans, Cecilia Wikström, a nome del gruppo ALDE
Jean Lambert, Ulrike Lunacek, Terry Reintke, Josep-Maria Terricabras, Ernest Urtasun, a nome del gruppo Verts/ALE
Malin Björk, Patrick Le Hyaric, Kateřina Konečná, Kostas Chrysogonos, Kostadinka Kuneva, Merja Kyllönen, Jiří Maštálka, Marie-Christine Vergiat, a nome del gruppo GUE/NGL
Helga Stevens, Julie Girling

 Oggetto: Adesione dell'UE alla Convenzione di Istanbul sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne
 Risposta in Aula 

Alla vigilia della Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne, il Parlamento europeo rileva che sono stati compiuti pochi progressi nel combattere la violenza nei confronti delle donne e la violenza di genere.

La violenza nei confronti delle donne e la violenza di genere costituiscono una violazione dei diritti fondamentali e rappresentano una forma estrema di discriminazione, che è al tempo stesso causa e conseguenza delle disuguaglianze di genere.

Il 4 marzo 2016 la Commissione ha proposto l'adesione dell'UE alla Convenzione di Istanbul, il primo strumento giuridicamente vincolante per la prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne a livello internazionale. Tutti gli Stati membri dell'UE hanno firmato la Convenzione, ma soltanto quattordici l'hanno ratificata. L'adesione dell'UE assicurerà una maggiore efficienza e coerenza delle sue politiche interne ed esterne di lotta e prevenzione della violenza nei confronti delle donne e della violenza di genere in tutta Europa e garantirà una migliore applicazione della normativa, dei programmi e dei fondi UE adottati a tal fine. Essa contribuirà al conseguimento di obiettivi più ampi dell'UE in materia di parità di genere, lotta alle discriminazioni, sanità pubblica e crescita economica. Rafforzerà inoltre la responsabilità dell'UE e il suo ruolo nella lotta contro la violenza nei confronti delle donne e la violenza di genere sulla scena internazionale, e garantirà una maggiore e migliore raccolta di dati sulla natura e la portata del fenomeno della violenza contro le donne a livello europeo. Da ultimo, ma non meno importante, l'adesione dell'UE alla Convenzione di Istanbul eserciterà un'ulteriore pressione politica affinché gli Stati membri ratifichino tale strumento.

– Qual è lo stato di avanzamento dei negoziati relativi alla firma e alla conclusione della Convenzione di Istanbul da parte dell'UE?

– Quali misure concrete ha la Presidenza adottato per accelerare le negoziazioni con il Consiglio relative alla firma e alla conclusione della Convenzione di Istanbul?

– Quanto tempo, a parere della Presidenza, sarà necessario per concludere l'adesione dell'UE alla Convenzione?

– Quale ruolo prevede la Presidenza per il Parlamento europeo nel processo di monitoraggio della Convenzione?

– Quali altre misure concrete sta adottando la Presidenza per garantire che gli Stati membri firmino e ratifichino la Convenzione di Istanbul?

Lingua originale dell'interrogazione: EN
Note legali - Informativa sulla privacy