Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
15 settembre 2020
O-000057/2020/rev.1
Interrogazione con richiesta di risposta orale O-000057/2020/rev.1
alla Commissione
Articolo 136 del regolamento
Frances Fitzgerald, Dennis Radtke
a nome del gruppoPPE
 Oggetto: Azione olistica dell'UE nel campo dell'assistenza, compresa quella destinata all'infanzia, agli anziani e alle persone con disabilità – verso una strategia europea per i prestatori di assistenza

In relazione alla fornitura di assistenza, la pandemia di COVID-19 ha messo in luce questioni come l'assistenza alle persone in case di riposo per anziani e l'incessante onere dell'assistenza alle persone con malattie croniche o disabilità, nonché la pressione cui sono sottoposti i genitori che lavorano per provvedere all'assistenza all'infanzia e sostenerne i costi. In generale, nell'UE meno della metà degli oltre 32 milioni di bambini al di sotto dell'età dell'obbligo scolastico ha accesso all'offerta di servizi per la prima infanzia. Per quanto riguarda l'assistenza agli anziani, la domanda supera l'offerta, e questo vale in particolare per l'erogazione di assistenza in strutture di lungo termine. È necessaria una raccolta accurata di dati sull'assistenza disponibile nell'UE, disaggregati per tipo di assistenza, in particolare in relazione ai malati cronici e alle persone con disabilità.

Oltre il 50% delle persone sotto i 65 anni combina la prestazione di assistenza con il lavoro, e l'onere ricade in misura di gran lunga maggiore sulle donne. L'onere dell'assistenza è una delle ragioni principali della minore partecipazione delle donne al mercato del lavoro, in quanto esse riducono l'orario lavorativo o abbandonano l'occupazione retribuita. I dati disponibili dimostrano l'esistenza di un divario di genere nell'assistenza che influenza il divario pensionistico di genere. La questione dell'assistenza fornita da assistenti informali senza alcuna regolarizzazione è altamente problematica.

1. Può la Commissione indicare quali risorse sono state spese per l'erogazione di servizi di assistenza e a titolo di quali programmi dell'attuale QFP?

2. Può la Commissione indicare quali risorse intende utilizzare nel QFP 2021-2027 per soddisfare la domanda di servizi di assistenza e per far fronte alla scarsa partecipazione delle donne al mercato del lavoro?

3. Intende la Commissione utilizzare sinergie tra i programmi di apprendimento permanente, ricerca e sviluppo infrastrutturale per l'erogazione di servizi di assistenza?

4. Intende la Commissione raccogliere dati sulla fornitura di diversi tipi di assistenza, in considerazione della strategia per la parità di genere e delle implicazioni della crisi COVID-19?

5. Intende la Commissione, sulla base di tali statistiche, esaminare ulteriormente il divario in materia di assistenza, nell'ottica di una strategia europea per i prestatori di assistenza volta a migliorare l'uguaglianza, promuovere l'occupazione e fornire un'assistenza di qualità?

6. Intende la Commissione fungere da piattaforma per agevolare lo scambio delle migliori pratiche in materia di qualità, accessibilità ed economicità dei servizi di assistenza, nonché in relazione ai diversi modelli dei servizi di assistenza?

7. Intende la Commissione prendere in considerazione la possibilità di esaminare la situazione degli assistenti informali e di condividere le migliori pratiche sulle modalità di regolarizzazione del loro lavoro negli Stati membri?

Presentazione: 15/09/2020

Scadenza: 16/12/2020

Lingua originale dell'interrogazione: EN
Ultimo aggiornamento: 27 ottobre 2020Note legali - Informativa sulla privacy