Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 98kWORD 16k
27 aprile 2016
P-003423-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-003423-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Nicola Caputo (S&D)

 Oggetto:  Cibi contaminati importati nell'UE
 Risposta scritta 

È stata recentemente pubblicata in Italia una lista nera di cibi contaminati importati nell'UE. La lista è stata realizzata sulla base delle analisi condotte dall'EFSA nel rapporto 2015 sui «Residui dei fitosanitari in Europa».

I broccoli cinesi, il prezzemolo del Vietnam, il basilico dell'India, le melagrane dell'Egitto, il peperoncino della Thailandia, i piselli del Kenia, i meloni della Repubblica Dominicana e la menta del Marocco sono tutti esempi di prodotti con residui chimici pericolosi importati nell'UE.

Oltre ai danni alla salute dei cittadini europei, va sottolineato il grave problema della concorrenza sleale di queste produzioni straniere realizzate in condizioni di dumping sociale e ambientale.

Intende la Commissione:
rafforzare i controlli alle frontiere dell'UE sulle importazioni di prodotti alimentari per tutelare la salute pubblica dei cittadini europei e garantire che tutti i cibi importati rispettino le norme europee e possano essere commercializzati nell'UE in condizioni di sicurezza;
rendere finalmente pubblici i flussi commerciali delle materie prime provenienti dall'estero;
potenziare le attività di controllo dell'Ufficio alimentare e veterinario al fine di verificare che gli Stati membri e i paesi terzi dispongano degli strumenti necessari per controllare che i rispettivi produttori rispettino le norme di sicurezza alimentare dell'UE?
Note legali - Informativa sulla privacy