Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 101kWORD 16k
29 agosto 2016
P-006359-16
Interrogazione con richiesta di risposta scritta P-006359-16
alla Commissione
Articolo 130 del regolamento
Elly Schlein (S&D)

 Oggetto:  Autostrada A15 CISA-BRENNERO
 Risposta scritta 
L'autostrada Tirreno-Brennero è stata oggetto di una procedura di infrazione (n. 2006/4419) conclusasi con un accordo che prevedeva:
una proroga della concessione al 2031 ad Autocisa, dietro impegno a costruire l'intera autostrada;
la progettazione definitiva dell'opera entro il 2010;
il totale autofinanziamento dell'opera da parte di Autocisa.
Nonostante ciò il Cipe, con delibera n. 2/2010, ha stabilito:
l'approvazione del progetto definitivo di soli 12 km;
la presa d'atto di un nuovo piano finanziario con:
incrementi tariffari dal 2011 al 2018 del 7,5 % annuo;
il contributo statale di 900 milioni di euro, non finanziato;
valore di indennizzo finale pari a 1 730 milioni di euro, non finanziato.

Inoltre, a seguito della suddetta delibera Cipe, nella nuova convenzione unica tra Anas e Autocisa, del 3 marzo 2010, all'articolo 4 viene soppresso il secondo comma, che recitava: «in caso di mancata approvazione del progetto definitivo relativo alla realizzazione della tratta Parma-Nogarole Rocca entro il 31.12.2010, verranno conseguentemente definiti tra le parti, nei sei mesi successivi, gli effetti sul piano economico-finanziario e sulla concessione».

Alla luce di quanto sopra, non ritiene la Commissione che sia opportuno verificare il rispetto degli accordi presi e, in caso contrario, riavviare la procedura di infrazione per violazione della direttiva 2014/18/CE e revocare la proroga al 2031 della concessione stessa?

Note legali - Informativa sulla privacy