Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 5kWORD 21k
31 ottobre 2016
P-007056/2016(ASW)
Risposta di Violeta Bulc a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: P-007056/2016

La legislazione dell'Unione europea in materia di tassazione stradale e di pedaggi si applica unicamente ai veicoli commerciali pesanti(1).

Poiché la domanda degli onorevoli deputati si riferisce alle autovetture, va osservato che è di competenza degli Stati membri, o di ogni altra autorità locale o regionale competente, l'introduzione di pedaggi per le autovetture che transitano sui raccordi anulari o su qualsiasi altro tipo di strada, a condizione che i pedaggi siano conformi ai principi comunitari, in particolare al principio di non discriminazione. Più in generale, la Commissione sostiene i principi «l'utente paga» e «chi inquina paga», a condizione che questi principi siano applicati in modo non discriminatorio, come illustrato nella comunicazione della Commissione relativa all'imposizione di diritti nazionali sulle infrastrutture stradali ai veicoli leggeri privati(2).

La Commissione non dispone di informazioni da cui risulti che i pedaggi in Italia siano riscossi in modo discriminatorio o in contrasto con i suddetti principi «l'utente paga» e «chi inquina paga».

(1)Direttiva 1999/62/CE, modificata.
(2)COM(2012/0199).

Avvertenza legale - Informativa sulla privacy