Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 101kWORD 20k
18 ottobre 2017
P-005433/2017(ASW)
Risposta di Miguel Arias Cañete a nome della Commissione
Riferimento dell'interrogazione: P-005433/2017

1. Quando i progetti sono sottoposti all’approvazione del consiglio d’amministrazione della Banca europea per la ricostruzione e lo sviluppo (BERS), il direttore esecutivo per l’UE può consultare la Commissione. Tuttavia, il progetto cui gli onorevoli deputati fanno riferimento è stato finanziato mediante un prestito BERS nell’ambito dello Strumento di finanziamento per l’energia sostenibile in favore dell’Ucraina (USELF). Di conseguenza, l’approvazione di tale progetto è stata data dalla dirigenza BERS su delega di poteri del consiglio d’amministrazione. Pertanto non è stata svolta alcuna specifica consultazione della Commissione nel caso di specie.

2. A norma del regolamento (CE) n. 733/2008 del Consiglio(1), l’osservanza delle tolleranze massime di cesio radioattivo di alcuni prodotti agricoli(2) originari di paesi terzi, inclusa l’Ucraina, deve essere controllata dagli Stati membri prima dell’immissione in libera pratica nell’Unione europea. In funzione dei risultati dei controlli effettuati, gli Stati membri sono tenuti ad adottare misure appropriate, compreso il divieto di immissione in libera pratica(3).

La Commissione non ha ricevuto alcuna notifica dagli Stati membri tramite il sistema di allarme rapido per gli alimenti e i mangimi per quanto riguarda la contaminazione radioattiva di cereali importati dall’Ucraina. Tali notifiche possono servire alla Commissione come base per valutare l’opportunità di avviare la necessaria proposta per rendere le disposizioni del regolamento 733/2008 applicabili a un prodotto.

3. La Commissione valuterà l’opportunità di esaminare, in consultazione con gli Stati membri, la necessità di estendere la validità del regolamento (CE) n. 733/2008 per il periodo successivo al marzo 2020.

(1)Regolamento (CE) n. 733/2008 del Consiglio, del 15 luglio 2008, relativo alle condizioni d’importazione di prodotti agricoli originari dei paesi terzi a seguito dell’incidente verificatosi nella centrale nucleare di Cernobil (GU L 201 del 30.7.2008, pag. 1), modificato dal regolamento (CE) n. 1048/2009 del Consiglio, del 23 ottobre 2009, che modifica il regolamento (CE) n. 733/2008 relativo alle condizioni d’importazione di prodotti agricoli originari dei paesi terzi a seguito dell’incidente verificatosi nella centrale nucleare di Cernobil (GU L 290 del 6.11.2009, pag. 4), (in appresso: regolamento 733/2008).
(2)Regolamento (CE) n. 1609/2000 della Commissione, del 24 luglio 2000, che fissa un elenco dei prodotti esclusi dal campo di applicazione del regolamento (CEE) n. 737/90 del Consiglio relativo alle condizioni di importazione di prodotti agricoli originari dei paesi terzi a seguito dell'incidente verificatosi nella centrale nucleare di Cernobil (GU L 185 del 25.7.2000, pag. 27).
(3)Inoltre, ai sensi dell'articolo 3, paragrafo 2, del regolamento n. 733/2008, ciascuno Stato membro comunica alla Commissione tutte le informazioni relative all’applicazione del regolamento stesso, in particolare i casi in cui le tolleranze massime non sono state osservate.

Note legali - Informativa sulla privacy