Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 10k
16 marzo 2020
P-001631/2020
Interrogazione prioritaria con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Francesca Donato, Alessandro Panza, Marco Dreosto, Matteo Adinolfi, Annalisa Tardino
 Risposta scritta 
 Oggetto: Pretese ricattatorie della Turchia

Il presidente turco Erdogan ha dichiarato lo scorso 11 marzo che, "finché tutte le aspettative della Turchia non verranno soddisfatte in modo tangibile", essa manterrà le sue "attuali misure alle frontiere". Erdogan ha inoltre citato espressamente alcune richieste precise all'UE, fra le quali spiccano la "libertà di movimento" dei turchi in Europa, la "revisione dell'unione doganale e l'assistenza finanziaria".

Queste pretese risultano, alla luce dei fatti, strumenti di ricatto nei confronti dell'Unione europea, in un momento in cui diversi Stati membri, in primis l'Italia, stanno fronteggiando una gravissima crisi sanitaria ed economica di portata eccezionale causata dalla diffusione del Covid-19.

Alla luce dell'attuale situazione europea e della gestione dei profughi siriani, nonché delle ripetute azioni belliche e violazioni dei diritti umani da parte della Turchia, si interroga la Commissione per sapere:

1. se non ritenga opportuno e urgente chiudere totalmente l'ingresso nell'Unione a tutti i cittadini turchi e richiamare l'ambasciatore UE presso Ankara, fino al mutamento della condotta del premier Erdogan;

2. se non ritenga necessario predisporre controlli sanitari sui principali canali di immigrazione, come quello turco, tenuto conto della pandemia di Covid-19;

3. quali azioni intenda intraprendere per non piegarsi alle pretese ricattatorie della Turchia.

Sostenitori(1)

(1)La presente interrogazione è sostenuta da deputati diversi dagli autori: Gianantonio Da Re (ID), Elena Lizzi (ID), Silvia Sardone (ID)
Ultimo aggiornamento: 20 marzo 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy