Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 39kWORD 9k
29 giugno 2020
P-003815/2020
Interrogazione prioritaria con richiesta di risposta scritta P-003815/2020
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Silvia Sardone (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Ricollocamento degli immigrati nel 2020

Un rapporto del ministero italiano degli Interni, come riportato da alcuni quotidiani italiani, sottolinea che nel 2020 i migranti trasferiti dall'Italia verso altri paesi europei sono stati zero. In pratica, non esistono immigrati ricollocati in questi mesi del 2020.

I dati, forniti dal ministero, riportano che, al 26 giugno 2020, in Italia sono sbarcate 6576 persone, senza contare gli "sbarchi fantasma" e quelli terrestri al confine del Friuli Venezia Giulia. In tale contesto risulta assurdo che non ci sia alcuna "solidarietà" da altri paesi europei, anche in considerazione dell'emergenza Coronavirus. Non sono arrivate inoltre dichiarazioni, con chiare spiegazioni, da parte della Commissione su quanto sta accadendo.

Si sottolinea che secondo quanto espresso dalla Commissione e dai paesi europei firmatari, l'accordo di Malta doveva superare questo problema, portando verso una gestione europea complessiva dell'accoglienza.

Si chiede alla Commissione:

1. Se possa confermare che nel 2020 non ci siano stati ricollocamenti di immigrati dall'Italia verso altri paesi;

2. Come sia giustificabile questa situazione e come sia motivato questo mancato supporto dell'Unione europea all'Italia;

3. Come intenda sviluppare nei prossimi mesi l'accoglienza, visto che gli sbarchi in Italia stanno aumentando a dismisura, con problemi gravi di gestione in questo periodo di emergenza sanitaria.

Ultimo aggiornamento: 1 luglio 2020Note legali - Informativa sulla privacy