Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 40kWORD 10k
1 luglio 2020
P-003893/2020
Interrogazione prioritaria con richiesta di risposta scritta
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Vincenzo Sofo (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: Ricollocamento risorse per rilancio territori tramite investimenti per completamento infrastrutture TEN-T in Italia

Gli strumenti finora proposti dalla Commissione per far fronte alla crisi Covid-19 risultano ancora di non chiara definizione, come il Next Generation EU, o molto controversi come il MES, mentre l’emergenza economica che sta colpendo paesi come l'Italia richiederebbe un supporto immediato e reale.

Considerando che l'UE già dispone di progetti per lo sviluppo del continente come quello riguardante la realizzazione del TEN-T che verrebbe finanziato tramite il prossimo QFP 2021-2027, e visto che lo sviluppo della rete di trasporti è una delle priorità per il rilancio dell'Italia poiché ridurrebbe il gap infrastrutturale ed economico del Sud e la connetterebbe al resto d’Europa, può la Commissione rispondere ai seguenti quesiti:

1. qual è la stima dei fondi necessari per la realizzazione del TEN-T sul territorio italiano?

2. Ritiene sia opportuno ricollocare alcune risorse del bilancio dell'UE, quali quelle destinate all'IPA per Stati come la Turchia, destinandole invece alla rete TEN-T così da completarla entro il 2030?

3. Come intende incentivare l'utilizzo dei fondi destinati al TEN-T per compiere infrastrutture nelle regioni italiane considerate meno sviluppate dall'UE, anche rivedendo le tratte degli attuali corridoi per includere maggiormente aree come la Calabria ionica, la Basilicata, il Salento e il Molise?

Ultimo aggiornamento: 7 luglio 2020Avvertenza legale - Informativa sulla privacy