Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 38kWORD 17k
13 aprile 2021
P-001283/2021(ASW)
Risposta di Stella Kyriakides
a nome della Commissione europea
Riferimento dell'interrogazione: P-001283/2021

Nella comunicazione «HERA Incubator: uniti per battere sul tempo la minaccia delle varianti della COVID-19», pubblicata di recente, la Commissione ha delineato la sua strategia nei confronti delle varianti(1).

Per dare risposta alle varianti che si presenteranno, HERA Incubator riunirà le attività di ricerca, valutazione e analisi svolte nell'UE e nel resto del mondo. Un migliore accesso a set di dati completi, ai risultati della ricerca e ad analisi rafforzate dei dati, oltre che ai dati genomici, epidemiologici e clinici, contribuirà allo sviluppo di misure, vaccini e cure efficaci. In questo modo sarà inoltre possibile individuare gli aspetti che richiedono ulteriori sforzi di ricerca.

Se necessario, la Commissione farà ricorso agli accordi preliminari di acquisto già in essere per garantire l'accesso rapido alla successiva generazione di vaccini e la loro consegna. Gli accordi esistenti potrebbero dover essere aggiornati per includere la protezione dalle varianti. Sulla base degli insegnamenti tratti, la presentazione di un piano dettagliato e credibile che dimostri la capacità di produrre vaccini nell'UE e di fornirli in tempi affidabili costituirà un prerequisito per qualsivoglia accordo, nuovo o aggiornato. Ciò non dovrebbe impedire all'UE di prendere in considerazione, se necessario, fonti provenienti da paesi terzi, a condizione che ottemperino alle prescrizioni di sicurezza dell'UE.

La Commissione accelererà inoltre le procedure volte all'approvazione delle versioni adattate dei vaccini esistenti nel caso in cui nuove varianti diventino più resistenti ai vaccini attuali. Il quadro si baserà su quello utilizzato per i vaccini antinfluenzali, che funziona con successo da molti anni. Ciò significa una rapida approvazione sulla base di un riesame continuo dei dati e di orientamenti chiari dell'Agenzia europea per i medicinali sugli obblighi in materia di dati. A tal fine, la Commissione ha recentemente adottato un regolamento delegato che modifica il regolamento (CE) n. 1234/2008 concernente l'esame delle variazioni dei termini delle autorizzazioni all'immissione in commercio di medicinali per uso umano e di medicinali veterinari(2).

(1)https://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/PDF/?uri=CELEX:52021DC0078&rid=1
(2)https://webgate.ec.europa.eu/regdel/#/delegatedActs/1677
Ultimo aggiornamento: 20 aprile 2021Note legali - Informativa sulla privacy