Torna al portale Europarl

Choisissez la langue de votre document :

  • bg - български
  • es - español
  • cs - čeština
  • da - dansk
  • de - Deutsch
  • et - eesti keel
  • el - ελληνικά
  • en - English
  • fr - français
  • ga - Gaeilge
  • hr - hrvatski
  • it - italiano (selezionato)
  • lv - latviešu valoda
  • lt - lietuvių kalba
  • hu - magyar
  • mt - Malti
  • nl - Nederlands
  • pl - polski
  • pt - português
  • ro - română
  • sk - slovenčina
  • sl - slovenščina
  • fi - suomi
  • sv - svenska
Interrogazioni parlamentari
PDF 37kWORD 9k
19 ottobre 2021
P-004747/2021
Interrogazione prioritaria con richiesta di risposta scritta  P-004747/2021
alla Commissione
Articolo 138 del regolamento
Susanna Ceccardi (ID)
 Risposta scritta 
 Oggetto: La Commissione condanni la repressione della manifestazione no green pass a Trieste

L'Italia ha introdotto l'obbligo del "green pass" per accedere ai luoghi lavoro, pubblici e privati, costringendo coloro che non si vaccinano ma intendono svolgere il loro lavoro ad effettuare ogni 48 ore i tamponi con un costo spropositato, soprattutto per le professioni a basso reddito.

Nella giornata di lunedì 18 otobre, a margine di una pacifica protesta di operai del porto di Trieste, la Polizia ha utilizzato idranti e lacrimogeni per disperdere i manifestanti che, da alcuni giorni, si erano ritrovati presso il porto della città friulana per esprimere la loro contrarietà al green pass.

Al considerando 36 del regolamento (UE) 2021/953 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 giugno 2021, viene sancito il divieto di discriminazione nei confronti di chi sceglie di non vaccinarsi.

Ciò premesso, può la Commissione far sapere:

1. quale è l'oa sua opinione sui fatti descritti in premessa;

2. se non ritiene che usare la forza sui manifestanti inermi sia una grave forma di violazione dei diritti, in particolare quello della libertà di espressione e manifestazione del pensiero;

3. se non ritiene che l'obbligo del green pass per accedere ai luoghi di lavoro rappresenti uno strumento discriminatorio nei confronti di chi sceglie di non vaccinarsi.

Ultimo aggiornamento: 21 ottobre 2021Note legali - Informativa sulla privacy