Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Processo verbale
Martedì 13 settembre 2011 - Strasburgo

2. Discussione su casi di violazione dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto (comunicazione delle proposte di risoluzione presentate)

I seguenti deputati o gruppi politici hanno presentato, a norma dell'articolo 122 del regolamento, alcune richieste di organizzare una tale discussione per le seguenti proposte di risoluzione:

I.   Bielorussia: arresto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani

- Elisabeth Schroedter, Werner Schulz, Raül Romeva i Rueda, a nome del gruppo Verts/ALE, e Marie-Christine Vergiat, sulla Bielorussia: arresto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani (B7-0496/2011);

- Charles Tannock, Marek Henryk Migalski, Valdemar Tomaševski, Ryszard Antoni Legutko, Tomasz Piotr Poręba, Ryszard Czarnecki, Michał Tomasz Kamiński, Geoffrey Van Orden, Adam Bielan e Konrad Szymański, a nome del gruppo ECR, sulla Bielorussia: arresto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani (B7-0497/2011);

- Véronique De Keyser, Justas Vincas Paleckis, Kristian Vigenin e Marek Siwiec, a nome del gruppo S&D, sulla Bielorussia: arresto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani (B7-0498/2011);

- Leonidas Donskis, Marielle De Sarnez, Kristiina Ojuland, Izaskun Bilbao Barandica, Marietje Schaake, Sonia Alfano e Ramon Tremosa i Balcells, a nome del gruppo ALDE, sulla Bielorussia: arresto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani (B7-0499/2011);

- Jacek Protasiewicz, Mario Mauro, Cristian Dan Preda, Filip Kaczmarek, Lena Kolarska-Bobińska, Eduard Kukan, Csaba Sógor, Bernd Posselt, Monica Luisa Macovei, Elena Băsescu, Tunne Kelam, Krzysztof Lisek, Eija-Riitta Korhola, Zuzana Roithová, Sari Essayah, Róża Gräfin von Thun und Hohenstein, Laima Liucija Andrikienė, Sergio Paolo Francesco Silvestris e Bogusław Sonik, a nome del gruppo PPE, sulla Bielorussia: arresto di Ales Bialatski, difensore dei diritti umani (B7-0500/2011).

II.   Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e nello Stato del Nilo Blu

- Charles Tannock, Ryszard Antoni Legutko, Ryszard Czarnecki, Tomasz Piotr Poręba, Jan Zahradil, Valdemar Tomaševski, Geoffrey Van Orden, Michał Tomasz Kamiński e Adam Bielan, a nome del gruppo ECR, sul Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e scontri nello Stato del Nilo Blu (B7-0501/2011);

- Judith Sargentini, Bart Staes, Raül Romeva i Rueda e Barbara Lochbihler, a nome del gruppo Verts/ALE, sul Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e scontri nello Stato del Nilo Blu (B7-0502/2011);

- Marie-Christine Vergiat, Marisa Matias, Miguel Portas, Willy Meyer e Gabriele Zimmer, a nome del gruppo GUE/NGL, sul Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e nello Stato del Nilo Blu (B7-0503/2011);

- Véronique De Keyser, Ana Gomes, Thijs Berman e Ricardo Cortés Lastra, a nome del gruppo S&D, sul Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e scontri nello Stato del Nilo Blu (B7-0504/2011);

- Louis Michel, Ivo Vajgl, Kristiina Ojuland, Marielle De Sarnez, Izaskun Bilbao Barandica, Charles Goerens, Leonidas Donskis, Marietje Schaake, Sonia Alfano e Ramon Tremosa i Balcells, a nome del gruppo ALDE, sul Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e nello Stato del Nilo Blu (B7-0506/2011);

- Mariya Nedelcheva, Filip Kaczmarek, Mario Mauro, Michèle Striffler, Cristian Dan Preda, Bernd Posselt, Monica Luisa Macovei, Tunne Kelam, Sari Essayah, Elena Băsescu, Eija-Riitta Korhola, Zuzana Roithová, Joachim Zeller, Sergio Paolo Francesco Silvestris e Bogusław Sonik, a nome del gruppo PPE, sul Sudan: situazione nel Kordofan meridionale e scontri nello Stato del Nilo Blu (B7-0508/2011).

III.   Eritrea: il caso di Isaak Dawit

- Judith Sargentini, Isabella Lövin, Carl Schlyter e Barbara Lochbihler, a nome del gruppo Verts/ALE, sull'Eritrea: il caso di Isaak Dawit (B7-0505/2011);

- Charles Tannock, Ryszard Antoni Legutko, Valdemar Tomaševski, Tomasz Piotr Poręba, Michał Tomasz Kamiński, Ryszard Czarnecki, Geoffrey Van Orden e Adam Bielan, a nome del gruppo ECR, sull'Eritrea: il caso di Isaak Dawit (B7-0507/2011);

- Bairbre de Brún, Marie-Christine Vergiat e Gabriele Zimmer, a nome del gruppo GUE/NGL, sull'Eritrea: il caso di Isaak Dawit (B7-0509/2011);

- Véronique De Keyser, Ana Gomes e Marita Ulvskog, a nome del gruppo S&D,, sull'Eritrea: il caso di Isaak Dawit (B7-0510/2011);

- Olle Schmidt, Louis Michel, Kristiina Ojuland, Marielle De Sarnez, Izaskun Bilbao Barandica, Marietje Schaake, Sonia Alfano e Ramon Tremosa i Balcells, a nome del gruppo ALDE, sull'Eritrea: il caso di Isaak Dawit (B7-0511/2011);

- Filip Kaczmarek, Mario Mauro, Cristian Dan Preda, Bernd Posselt, Monica Luisa Macovei, Tunne Kelam, Sari Essayah, Elena Băsescu, Eija-Riitta Korhola, Zuzana Roithová e Sergio Paolo Francesco Silvestris, a nome del gruppo PPE, sull'Eritrea: il caso di Isaak Dawit (B7-0512/2011).

Il tempo di parola sarà ripartito a norma dell'articolo 149 del regolamento.

Note legali - Informativa sulla privacy