Indice 
 Precedente 
 Seguente 
 Testo integrale 
Processo verbale
Martedì 4 febbraio 2014 - Strasburgo

2. Discussione su casi di violazione dei diritti umani, della democrazia e dello Stato di diritto (comunicazione delle proposte di risoluzione presentate)

I seguenti deputati o gruppi politici hanno presentato, a norma dell'articolo 122 del regolamento, alcune richieste di organizzare una tale discussione per le seguenti proposte di risoluzione:

I. Situazione in Thailandia (2014/2551(RSP))

- Véronique De Keyser, Robert Goebbels, Marc Tarabella, Joanna Senyszyn, Ana Gomes, Liisa Jaakonsaari, Lidia Joanna Geringer de Oedenberg e Mitro Repo, a nome del gruppo S&D, sulla situazione in Thailandia (B7-0122/2014);

- Cristian Dan Preda, Bernd Posselt, Filip Kaczmarek, Tunne Kelam, Elena Băsescu, Monica Luisa Macovei, Mariya Gabriel, Philippe Boulland, Jean Roatta, Eduard Kukan, Roberta Angelilli, Petri Sarvamaa, Eija-Riitta Korhola, Giovanni La Via, Sergio Paolo Francesco Silvestris, Sari Essayah, Seán Kelly, Krzysztof Lisek, Joachim Zeller, Laima Liucija Andrikienė, Davor Ivo Stier, Salvador Sedó i Alabart, Jarosław Leszek Wałęsa e Bogusław Sonik, a nome del gruppo PPE, sulla situazione in Thailandia (B7-0123/2014);

- Marie-Christine Vergiat, a nome del gruppo GUE/NGL, sulla Thailandia (B7-0124/2014);

- Phil Bennion, Marietje Schaake, Louis Michel, Leonidas Donskis, Marielle de Sarnez, Izaskun Bilbao Barandica, Ramon Tremosa i Balcells, Johannes Cornelis van Baalen, Angelika Werthmann, Sarah Ludford, Hannu Takkula, Robert Rochefort e Alexander Graf Lambsdorff, a nome del gruppo ALDE, sulla situazione in Thailandia (B7-0125/2014);

- Charles Tannock e Adam Bielan, a nome del gruppo ECR, sulla situazione in Thailandia (B7-0126/2014);

- Reinhard Bütikofer, Raül Romeva i Rueda e Nicole Kiil-Nielsen, a nome del gruppo Verts/ALE, sulla Thailandia (B7-0127/2014).

II. Diritto all'istruzione nella regione della Transnistria (2014/2552(RSP))

- Véronique De Keyser, Ana Gomes, Libor Rouček, Joanna Senyszyn, Liisa Jaakonsaari, Lidia Joanna Geringer de Oedenberg, Mitro Repo, Ioan Mircea Paşcu, Tonino Picula e Marc Tarabella, a nome del gruppo S&D, sul diritto all'istruzione nella regione della Transnistria (B7-0128/2014);

- Charles Tannock, Ryszard Antoni Legutko, Ryszard Czarnecki, Tomasz Piotr Poręba, Adam Bielan e Marek Henryk Migalski, a nome del gruppo ECR, sul diritto all'istruzione nella regione della Transnistria (B7-0129/2014);

- Cristian Dan Preda, Elena Băsescu, Bernd Posselt, Filip Kaczmarek, Tunne Kelam, Monica Luisa Macovei, Mariya Gabriel, Philippe Boulland, Jean Roatta, Roberta Angelilli, Petri Sarvamaa, Eija-Riitta Korhola, Giovanni La Via, Sergio Paolo Francesco Silvestris, Sari Essayah, Seán Kelly, Krzysztof Lisek, Joachim Zeller, Laima Liucija Andrikienė, Davor Ivo Stier e Bogusław Sonik, a nome del gruppo PPE, sul diritto all'istruzione nella regione della Transnistria (B7-0131/2014);

- Helmut Scholz, Patrick Le Hyaric, Marie-Christine Vergiat e Alda Sousa, a nome del gruppo GUE/NGL, sul diritto all'istruzione nella regione della Transnistria (B7-0135/2014);

- Graham Watson, Marietje Schaake, Leonidas Donskis, Johannes Cornelis van Baalen, Sarah Ludford, Ramon Tremosa i Balcells, Robert Rochefort, Hannu Takkula, Marielle de Sarnez e Alexander Graf Lambsdorff, a nome del gruppo ALDE, sul diritto all'istruzione nella regione della Transnistria (B7-0136/2014);

- Werner Schulz, Tarja Cronberg, Nicole Kiil-Nielsen e Raül Romeva i Rueda, a nome del gruppo Verts/ALE, sur le droit à l'enseignement en Transnistrie (B7-0137/2014).

III. Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (2014/2553(RSP))

- Cristian Dan Preda, Bernd Posselt, Tunne Kelam, Monica Luisa Macovei, Roberta Angelilli, Petri Sarvamaa, Eija-Riitta Korhola, Giovanni La Via, Sergio Paolo Francesco Silvestris, Sari Essayah, Krzysztof Lisek, Elena Băsescu, Laima Liucija Andrikienė, Davor Ivo Stier, Salvador Sedó i Alabart e Bogusław Sonik, a nome del gruppo PPE, sul Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (B7-0100/2014);

- Charles Tannock e Geoffrey Van Orden, a nome del gruppo ECR, sul Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (B7-0121/2014);

- Véronique De Keyser, Ana Gomes, Richard Howitt, Pino Arlacchi, María Muñiz De Urquiza, Joanna Senyszyn, Liisa Jaakonsaari, Lidia Joanna Geringer de Oedenberg, Mitro Repo e Marc Tarabella, a nome del gruppo S&D, sul Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (B7-0130/2014);

- Willy Meyer, Patrick Le Hyaric, Marie-Christine Vergiat, Alda Sousa, Marisa Matias e Paul Murphy, a nome del gruppo GUE/NGL, sul Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (B7-0132/2014);

- Marietje Schaake, Edward McMillan-Scott, Johannes Cornelis van Baalen, Marielle de Sarnez, Ramon Tremosa i Balcells, Sarah Ludford, Izaskun Bilbao Barandica, Angelika Werthmann, Hannu Takkula, Robert Rochefort e Alexander Graf Lambsdorff, a nome del gruppo ALDE, sul Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (B7-0133/2014);

- Tarja Cronberg, Nicole Kiil-Nielsen, Margrete Auken e Raül Romeva i Rueda, a nome del gruppo Verts/ALE, sul Bahrein, in particolare il caso di Nabeel Rajab, Abdulhadi al-Khawaja e Ibrahim Sharif (B7-0134/2014).

Il tempo di parola sarà ripartito a norma dell'articolo 149 del regolamento.

Note legali - Informativa sulla privacy